OMICIDIO ALLO ZEN

La lite e gli schiaffi, ecco perché è stato ucciso Franco Mazzè

di

PALERMO. Fabio Chianchiano ha preso diversi schiaffi in faccia la domenica delle Palme allo Zen . Alcune direttamente da Vincenzo Mazzè fratello di Franco Mazzè ucciso poco dopo.

Le "boffe" sono arrivate dentro il bar Barbara, dove la polizia ha trovato in tempo record le immagini della rissa ancora nell’hard disk del sistema di videosorveglianza. Un altro schiaffo lo ha preso per interposta persona. Lo stesso Franco Mazzè poco prima di morire avrebbe colpito al volto, in piazza e davanti ad una ventina di persone, un uomo di Chianchiano.

La misura era colma per l’uomo che avrebbe in pugno lo Zen e che controllerebbe il traffico di droga. Con lo stesso Stefano Biondo che aveva partecipato alla rissa dentro il bar, salgono in macchina e arrivano davanti al panificio in via Gino Zappa. Chianchiano, secondo la ricostruzione degli agenti, esce dall’auto e spara per uccidere Franco Mazzè. L’onta era quasi lavata.

Poi per fare capire a tutti chi comanda nel quartiere, sempre Chianchiano e Biondo vanno in casa di Michele Moceo, uomo vicino a Franco Mazzè e a volto scoperto in modo che tutti possono vederlo spara alcuni colpi contro l’abitazione. Segno che nessuno allo Zen poteva allargarsi.

© Riproduzione riservata

TAG: ,

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X