AGENZIA NAZIONALE

Firmato il provvedimento: altri 70 immobili confiscati passano al Comune di Palermo

di
Palazzo delle Aquile adesso si occuperà della manutenzione delle case, poi si procederà all’assegnazione agli aventi diritto

PALERMO. Settanta immobili confiscati passano al Comune. Con le case che un tempo erano dei mafiosi, si potrà dare una risposta concreta all’emergenza abitativa. Il provvedimento è stata varato ieri mattina a Roma dal consiglio direttivo dell’Agenzia dei beni confiscati presieduta da Umberto Postiglione, ex prefetto di Palermo.

In totale i beni trasferiti a Palazzo delle Aquile sono 80, mentre quelli in tutta la Sicilia 460, 2500 in Italia. Numeri di un certo effetto che si sommano a quelli dei mesi scorsi, solo in Sicilia lo scorso 29 ottobre furono assegnati altri 500 beni. Gran parte degli immobili sono in buone condizioni, il Comune dovrà provvedere alla prima manutenzione e poi a sua volta assegnarli a chi ne ha diritto.

Un patrimonio non indifferente, tolto in questi anni a boss e picciotti di Cosa nostra, al termine dell’iter giudiziario tra processi, appelli e sentenze.

Leggi la versione integrale e le altre notizie in edicola o sul giornale digitale CLICCA QUI

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X