CAMERA DI COMMERCIO

Crocetta contro Reina: “Si rivolse a Cosa Nostra”. La replica: “Sono sconcertato”

Ispezione alla Camera di Commercio dopo l'arresto dell'ex presidente Roberto Helg accusato di avere intascato una tangente da 100 mila euro

PALERMO. Con una nota al dipartimento Attività produttive della Regione, che ha avviato una ispezione alla Camera di commercio di Palermo dopo l'arresto dell'ex presidente Roberto Helg accusato di avere intascato una tangente da 100 mila euro, il governatore Rosario Crocetta ha chiesto di prendere informazioni per accertare se Nunzio Reina, uno dei 32 componenti del Consiglio camerale in rappresentanza della Confartigianato, sia la stessa persona che nel 2001 avrebbe patteggiato una condanna per favoreggiamento.    Dice Crocetta: "Tale Reina nel 2001 sarebbe stato accusato di avere chiesto l'intercessione di un boss per essere 'amnistiato' dall'onere di pagare il pizzo alla mafia e per questa vicenda sarebbe stato condannato e avrebbe patteggiato la pena". "Come fa a essere credibile una persona che invece di rivolgersi alla magistratura e alle forze dell'ordine per denunciare gli estortori si fa sistemare la vicenda personale dal gotha di Cosa nostra”, afferma Crocetta. "Faccio appello a quegli imprenditori che si sono distinti nella lotta al racket e alla mafia, come Giuseppe Todaro - prosegue il governatore - di prendere totalmente le distanze da questo Consiglio camerale. Occorre una netta discontinuità, non basta sostituire il presidente. Il Consiglio faccia un passo indietro, i componenti non si comportino come gli ultimi giapponesi".

LA REPLICA DI REINA. "Credevo l'era dei cecchini si fosse chiusa, ma mi sbagliavo: si continua addirittura a sparare con vicende datate e sepolte sia dal punto di vista giuridico che, per quanto mi riguarda, da quello morale, tanto da intraprendere una strada che in Confartigianato ha spinto in questi anni diversi nostri iscritti verso le associazioni antiracket". Così il presidente di Confartigianato Palermo Nunzio Reina, replica al presidente della Regione siciliana, Rosario Crocetta. Il governatore ha segnalato agli ispettori della Regione che stanno indagando sulla gestione della Camera di Commercio la presenza tra i consiglieri di Reina, che nel 2001 ha patteggiato una condanna per favoreggiamento all'estorsione. "Sono sconcertato da questo inaudito e grave atto di inciviltà giuridica che non tiene conto del percorso di integrità morale e della trasparenza politica che ha connotato la mia attività in Confartigianato - aggiunge Reina - Un lavoro ispirato alla collaborazione con tutti gli organi per debellare l'odioso fenomeno del pizzo e sempre nell'ottica della legalità nell'esercizio delle attività professionali artigiane. Se esiste un certificato di 'dignità' o di 'onorabilità' che il presidente Crocetta o, chi per lui, è in grado di produrre, desidererei sapere quali sono i requisiti".

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X