stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Emergenza al canile di Palermo, l’Istituto zootecnico ospiterà i randagi
IL CASO

Emergenza al canile di Palermo, l’Istituto zootecnico ospiterà i randagi

Individuata un’area in cui trasferire gli animali di via Tiro a Segno, ma va sistemata

PALERMO. Alcuni dei randagi ospitati nel canile municipale di via Tiro a Segno e nell'ex mattatoio potrebbero essere trasferiti nell'istituto zootecnico. Il Comune, infatti, ha individuato un'area di circa mille metri quadrati dove potrebbe far vivere i cani.

È solo l'inizio di un percorso per risolvere l'annoso problema dell'emergenza sovraffollamento. «L'area che abbiamo individuato - ha spiegato Maurizio Pedicone, il dirigente del servizio Igiene e sanità - deve essere messa a norma prima di trasferire gli animali. Occorre un nuovo sistema fognario, la sistemazione di nuove gabbie, il terriccio deve essere sostituito con dell'asfalto e ovviamente gli allaccio È un iter appena iniziato che attende lo stanziamento delle risorse da parte del Comune e il protocollo d'intesa firmato con lo stesso istituto zootecnico».
Resta critica la situazione in via Tiro a Segno, dove si contano oltre 250 cani in una struttura che può ospitarne la metà. Vivono in sovrannumero all'interno delle gabbie, alcuni in posti di fortuna, un cane è rinchiuso perfino da giorni all'interno del bagno riservato al personale. Altri ancora dormono nel giardino, fuori dalle gabbie perché strapiene. Occupate anche le gabbie per la post-degenza, così si fermano le sterilizzazioni. «Nell'ultima settimana - racconta Giusi Caldo, dell'Ada - ne sono stati adottati una quindicina tra cuccioli e cani adulti di piccola taglia».

ALTRE NOTIZIE NELLE PAGINE DEL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X