DAI LETTORI

Alberi pericolanti in centro e in periferia a Palermo. «I cittadini sono messi a rischio»

Pubblichiamo gli sms e le e-mail inviati a Ditelo a Rgs (in onda da martedì a sabato su Tgs e Rgs, vedi la pagina dei programmi TV) e alla pagina del Giornale di Sicilia su Facebook. Il numero accanto ai titoli indica le segnalazioni pervenute

POTATURE
Gioacchino Picciuca
da piazza Castelnuovo
Dopo i fatti avvenuti a Catania, dove una donna ci ha rimesso la vita, volevo informarvi che in piazza Castelnuovo c’è una palma pericolosa, che sembra possa cadere da un momento all’altro. Abbiamo segnalato già in estate questa situazione, ma nessuno si è fatto vivo. La segnalazione è stata fatta anche dai vigili urbani.

Stefania Giglio

da viale Michelangelo
Ho mille volte sollecitato la potatura degli alberi che ci sono in viale Michelangelo: i platani sono altissimi, ma quando devono intervenire? Alcuni sono pericolosi in quanto sono enormi, quando succederà una disgrazia forse si farà qualcosa.

Al momento ammonta infatti a circa 50 unità il personale impiegato dal Comune per gli interventi di potatura. Sette le squadre al lavoro, ciascuna composta da sette persone: due potatori, un autista e gli addetti alla raccolta della ramaglia. Dalle sette attuali, il Comune punta a passare a otto squadre, una per ogni circoscrizione. «E anche una nona, per soddisfare le esigenze dei plessi scolastici che hanno alberi e giardinetti» ha spiegato l’assessore Raimondo a Ditelo Rgs.

SANITA'
Concetta Piazza
Da via Trabucco
Volevo segnalare qualcosa di veramente indecente, almeno secondo me. Pongo un quesito: è normale che il pescivendolo vada a vendere il pesce in ospedale? E che una persona che indossa un camice bianco (quindi infermiere, medico, analista o chi che sia) si vada a comprare il pesce indossando il camice bianco? Questo è quello che succede all’ospedale Cervello. Non credevo hai miei occhi, è vergognoso.

BUCHE E MARCIAPIEDI
Roberto Termine
da vicolo Faia
In vicolo Faia, nella zona di piazza Beati Paoli nel quartiere Monte di Pietà, la strada presenta numerosi avvallamenti e numerose buche dalle quali escono topi di considerevoli dimensioni. Le fognature sono intasate e i liquami non defluiscono. Inoltre, quando piove la strada si allaga tipo calle veneziana.

Nel caso di strade dissestate non inserite in programmazione, la Rap interviene secondo criteri di urgenza. Anche in questo caso, per l'affidamento formale del servizio di manutenzione e controllo delle strade (15 milioni di euro), bisognerà attendere l'approvazione del contratto di servizio.

LAVORO

Marco D’Antoni
Ho 25 anni, sono iscritto al piano Garanzia Giovani dal 14 luglio e non sono stato mai contattato. Lo stesso anche per il piano Giovani Sicilia, al quale mi sono iscritto il primo giorno possibile. Onestamente, la situazione siciliana è molto imbarazzante: siamo a Statuto speciale, ma di speciale abbiamo solo la bellezza della città. Perché non prendiamo esempio dal Trentino, dove pure vige lo Statuto speciale?

GARANZIA GIOVANI
Percorsi formativi, tirocini, contratti di apprendistato ma anche incentivi per l’autoimpiego. Ad offrire queste opportunità ai ragazzi siciliani che hanno un’età compresa tra i 15 e i 29 anni e che non sono inseriti in percorsi formativi o di lavoro, è il piano europeo «Garanzia Giovani». Lo gestisce la Regione. Da maggio sono oltre 39 mila i giovani siciliani che si sono iscritti. Per inoltrare la candidatura basta collegarsi al sito www.garanziagiovani.gov.it e completare la scheda anagrafica. Per chi non avesse dimestichezza con Internet la registrazione può essere effettuata anche presso i Centri per l’impiego. Dopo circa due mesi dalla presentazione della domanda gli uffici convocano il candidato per un colloquio. L’assessorato al Lavoro avrà quattro mesi di tempo dallo stesso colloquio e, quindi, dalla presa in carico del candidato, per offrirgli un’opportunità di impiego.

PIANO GIOVANI

Sono salve le selezioni del Piano giovani, circa 1.600, fatte a luglio e agosto, mentre con il nuovo bando è prevista l’assegnazione di altri 1.400 tirocini. Secondo il parere dell’Avvocatura dello Stato sono valide le selezioni degli stage fatte con i due «click day» del 14 luglio e del 5 agosto, nonostante le polemiche per il sito internet che non ha consentito a tutti i 50 mila giovani disoccupati siciliani, che si erano iscritti alla procedura, di poter partecipare al bando. Buone notizie anche per i ragazzi che non hanno fatto in tempo a partecipare. Il nuovo bando dovrebbe prevedere la possibilità di ampliare il numero dei tirocini da assegnare. Ma ancora non c’è nessuna data certa.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X