stampa
Dimensione testo
LA STORIA

Giovanna Bonanno? C'era una volta una serial killer a Palermo

Nata nel capoluogo siciliano nel 1731, è stata un'assassina seriale italiana, meglio nota come la "vecchia dell'aceto".

PALERMO. Chi era Giovanna Bonanno? Assassina seriale italiana, nata a Palermo nel 1731, ancora oggi è meglio nota come la "vecchia dell'aceto". Ma perchè questo soprannome? Giovanna era una vecchia povera e mendicante, considerata da tutti una “magara” ossia una strega. L'occasione per dare una svolta alla sua vita arrivò quando giorno - in via Papireto - trovandosi dall’aromatario, vide una madre portare la sua bambina sofferente fra le braccia, perchè aveva bevuto per sbaglio un sorso di “aceto per pidocchi" ossia una mistura a base di aceto e arsenico che l’aromatario stesso vendeva.

Subito, questi le fece ingoiare dell’ olio fino a che la povera bambina non vomitò avendo così salva la vita. Fu allora che la Bonanno intuì subito che questo intruglio era qualcosa da cui poterne trarre benefici economici. Infatti, grazie a questo veleno potè aiutare poveri ed infelici mogli desiderose di sbarazzarsi del marito per occuparsi completamente dell’amante. Dell’aceto per pidocchi, la Bonanno fece un vero e proprio business della morte.

All’improvviso nel quartiere palermitano della Zisa, cominciarono a verificarsi casi di morte molto misteriosi, e fu così per molto tempo, fino a quando la Bonanno venne colta in flagrante.

Tra le fonti di questo articolo il sito www.palermoviva.it

© Riproduzione riservata

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X