stampa
Dimensione testo

Calciomercato

Home Sport Calciomercato Palermo, Bettella si presenta: "Il Barbera è emozionante e i tifosi rosanero unici"
IL DIFENSORE

Palermo, Bettella si presenta: "Il Barbera è emozionante e i tifosi rosanero unici"

di
calciomercato, City Football Group, palermo calcio, Serie B, Davide Bettella, Palermo, Calciomercato
Davide Bettella

"Ero in vacanza quando mi ha chiamato Rinaudo. Sono rimasto colpito, perché Palermo è una piazza grande e ambiziosa. Quest'anno è stata acquistata dal City Group e la storia del club è di grande rilevanza". Sono le prime parole da nuovo calciatore rosanero di Davide Bettella, che oggi si è presentato in conferenza stampa. Il giocatore è arrivato dal Monza in prestito.

Il difensore centrale è tornato sulla sconfitta rimediata contro la Reggina ma resta fiducioso per il futuro: "Ho incontrato bellissime persone che mi hanno accolto benissimo. Sono uomini di valore e secondo me con i giusti equilibri potremo toglierci grandissime soddisfazioni. Dobbiamo sistemare delle cose che non sono andate bene, ma le idee del mister sono giuste e dobbiamo seguirlo per ambire a qualcosa di grande".

Bettella parla poi delle emozioni provate allo stadio Renzo Barbera: "Due giorni prima della partita ero venuto qui, e ad entrare senza tifosi avevo già i brividi sulla pelle. È uno stadio che dà tanta energia e i tifosi rosanero sono unici, in pochi li hanno. Sono una forza in più durante le partite, una tifoseria del genere è rara e bisogna approfittarne soprattutto in casa. In trasferta a Reggio ci hanno seguito, erano in tanti, e quello è stato un orgoglio".

La promozione in Serie A con il Monza lo scorso anno e le difficoltà nel giocare bene quando si cambia tanto: "Il Monza nel giro di due anni sono cambiati tutti i giocatori. La società aveva grandi ambizioni e sapevamo l'obiettivo. La pressione c'era, sia mediatica che della società. Il primo anno è andato benissimo ma mancava la compattezza che invece ci ha fatto andare in A l'anno dopo. Arrivare in tanti nuovi e giocare subito bene è difficile. Io devo riabituarmi in una difesa a 4, ma sono movimenti che vanno sistemati. Dobbiamo essere più compatti e forti. Non ho giocato molto pure per infortunio. Il mio rispetto per società e compagni è rimasto tale. Volevo giocare di più, ma se si raggiunge comunque l'obiettivo va bene così".

Bettella infine "indica" la strada del successo in un campionato difficile come la Serie B: "La differenza la fa il gruppo. Con un buon gruppo puoi fare di tutto, se puoi contare sui compagni puoi raggiungere obiettivi memorabili. Poi i giocatori nostri sono forti, un gruppo vivo e allegro. Nelle difficoltà usciamo a testa alta, ora dobbiamo solo seguire le idee del mister e affrontare una partita alla volta. Se pensiamo ognuno al proprio orticello, non si va da nessuna parte".

© Riproduzione riservata

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X