SERIE A

Dai rinnovi al mercato rosanero, Baccin traccia le linee di lavoro

di
"Se ci sarà qualcuno che chiederà di avere più spazio rispetto a quanto ne abbia avuto fin adesso, cercheremo di accontentarlo. Senza però scombinare un gruppo che sta facendo cose positive"

PALERMO. Il neo direttore sportivo rosanero, Dario Baccin, ha le idee chiare sul futuro del Palermo. Dai rinnovi al mercato, Baccin traccia già le linee del suo lavoro e parla innanzitutto del suo ruolo: “Un passaggio naturale, perché al campo della prima squadra andavo praticamente tutti i giorni per programmare gli impegni delle squadre giovanili. Con Iachini c'era già un rapporto stretto, anche se non diretto e mirato al rapporto quotidiano. So di avere un'occasione importante da sfruttare, ma sono sereno perché ho il mio tipo di carattere e personalità e interpreto il ruolo come lo svolgevo al settore giovanile: con trasparenza, lealtà e senso del dovere. È un lavoro diverso, comporta altre responsabilità. Ma anche con i giovani c'erano responsabilità importanti".

Stasera a Marassi c’è Genoa-Palermo, sfida ricca di fascino: “Si incontrano due squadre che nell'ultimo periodo hanno fatto un buon percorso – dice Baccin - mi auguro venga fuori una bella partita, ci presenteremo in buone condizioni. Per quanto riguarda il mercato, c'è stato qualcosa ma non ho elementi per dare un giudizio su quello che è successo. Terzi però per noi è un giocatore importante. All'inizio ha avuto più spazio, ora di meno. Ma fa parte dei nostri progetti”.

Si parla dei rinnovi, come per Dybala e Vazquez: "Vazquez? Ha venticinque anni, sta facendo bene ed è appetito da altre situazioni. Ma faremo il possibile per tenerlo con noi. E c'è la buona volontà di entrambe le parti di proseguire insieme. Da quando sono subentrato sono stati argomenti primari. Lavoriamo in maniera costante, per entrambi. La nostra intenzione è prolungare per tenerli con noi. Munoz? Abbiamo aperto un tavolo di trattativa. L'intenzione della società è di tenerlo, il ragazzo ha dimostrato una buona apertura verso il rinnovo. È a Palermo da tanti anni, non è semplice arrivare a novembre dell'ultimo anno a trattare un rinnovo. Ma c'è la buona volontà da parte di tutti di proseguire. Bisognerà capire quanto sarà la forbice tra la domanda e l'offerta. In settimana potrebbero esserci sviluppi perché dopo la partita di oggi avremo una nuova verifica. E Belotti? Andrà in scadenza nel 2017, puntiamo forte su di lui. Vedremo, c'è un margino ampio di tempo. Belotti e l'agente sanno che ci piacerebbe continuare oltre la scadenza perché è un giocatore importante, giovane e italiano. Però abbiamo tempo per lavorarci".

Baccin è pronto anche per il suo primo mercato da protagonista, quello di gennaio: "Ci stiamo preparando, dobbiamo valutare come andrà a finire il discorso dei rinnovi. Rinnovi che sicuramente dovranno essere completati prima del mercato. Ci sono delle idee per migliorare dove abbiamo bisogno, ma oggi siamo molto contenti del nostro gruppo. E se ci sarà qualcuno che chiederà di avere più spazio rispetto a quanto ne abbia avuto fin adesso, cercheremo di accontentarlo. Senza però scombinare un gruppo che sta facendo cose positive".

© Riproduzione riservata

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X