stampa
Dimensione testo

Archivio

Home Archivio Smog, il Comune rilancia le targhe alterne

Smog, il Comune rilancia le targhe alterne

Nei primi nove mesi dell’anno elevate 487 multe. La polizia municipale: verifiche difficili, tante le auto esenti. Il provvedimento resta in vigore e riguarda le auto più vecchie.

PALERMO. Le targhe alterne sono in vigore, altroché, e lo saranno ancora per parecchi mesi, almeno fino a quando il piano del traffico approvato dal consiglio comunale non sarà pienamente operativo tra nuovi divieti, isole pedonali e zone a traffico limitato. «È l’unico strumento che abbiamo oggi per contrastare l’inquinamento dell’aria» chiosa l’assessore al Traffico, Tullio Giuffrè, forte dei dati positivi sulle emissioni registrate nelle ultime settimane in città: per trovare uno sforamento delle polveri sottili, secondo i dati raccolti dalla Rap, società del Comune, bisogna tornare indietro al 15 ottobre, quando è stata evidenziata «qualità dell’aria scadente» in alcune zone molto trafficate.

Così Giuffrè vuole evitare nuovi sforamenti e rilancia: «Le targhe alterne saranno assolutamente ancora in vigore e i controlli proseguiranno». Restano quindi i divieti fissati dall’amministrazione nel 2008: a seconda che i giorni siano pari o dispari, potranno circolare le auto col numero di targa pari o dispari. Il divieto vale dalle 9 alle 13,30 e dalle 15,30 alle 20 e riguarda ovviamente solo le auto più vecchie, quelle fino a Euro 3. I vigili urbani garantiranno il rispetto del provvedimento, anche se le difficoltà non mancano. I dati forniti dal comando di via Dogali parlano di 487 verbali elevati da inizio anno fino a settembre, a fronte di oltre 400 mila veicoli in circolazione. Troppo poche le multe? «Sono quelle che materialmente è possibile elevare - spiega il vicecomandante della polizia municipale, Luigi Galatioto - il numero delle esenzioni è molto elevato, per cui le auto vanno fermate e va verificata l’effettiva infrazione».

L’attività dei vigili urbani registra 487 verbali da gennaio ad oggi per aver infranto il divieto di circolazione a targhe alterne, tutti sui 150 euro. Circa 50 risalgono a gennaio e altrettante a febbraio. Poi, tra marzo e maggio, il numero è salito a oltre 70 al mese, per poi ridiscendere a 52 a giugno. Alla fine di quel mese, l’assessore Giuffrè ha chiesto di intensificare i controlli forse per evitare che le alte temperature e il clima vacanziero potessero far calare l’attenzione sul fenomeno causando un aumento delle pericolosissime polveri sottili nell’aria. Così a luglio sono state elevate 71 multe, poi 15 ad agosto. A settembre, stando agli ultimi dati parziali, siamo a quota 21 verbali.

Multe definite sacrosante persino dal Tar, che nei mesi scorsi ha respinto il ricorso di un gruppo di associazioni e aziende contro il provvedimento del Comune: secondo il tribunale amministrativo, in pratica, è legittimo aver vietato la circolazione a targhe alterne per diminuire i fattori inquinanti nell’aria, così come regolari sono i vincoli e le limitazioni imposte sia in termini di zone interessate sia di veicoli oggetto del divieto.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X