Tares a Palermo, slitta a gennaio il pagamento della seconda rata

PALERMO. Slitta al 31 gennaio 2014 il termine ultimo per il pagamento della seconda rata della Tares a Palermo.


Lo prevede il regolamento approvato a maggioranza dal Consiglio comunale, dopo una settimana di dibattito e una seduta fiume cominciata ieri e conclusasi all'alba a Sala delle Lapidi. L'aula ha anche dato il via libera al regolamento sulle tariffe, ma senza il voto delle minoranze che hanno abbandonato l'aula. Su un centinaio emendamenti solo una quindicina hanno avuto l'ok da parte del Consiglio.


Tra questi quello presentato dalla consigliera comunale Antonella Monastra (Ora Palermo- Pd) che introduce una riduzione del 30% del tributo per le donne vittime di violenza. «L'esenzione scatta -  dice Monastra - per quelle donne che abbiamo concluso il percorso fuoriuscita dalla spirale di violenza subita e deciso di ricominciare una nuova vita
affittando un' abitazione in città».


Secondo le stime degli uffici, il gettito dell'imposta per il 2013 ammonta a circa 122
milioni di euro. Le somme, che entreranno nelle casse del Comune, serviranno a coprire il servizio di smaltimento dei rifiuti in città.


«Per il 2014 invece si prevede un incremento del costo del servizio di circa 20 per cento della Tares - aggiunge- che graverà interamente sulle spalle dei cittadini». Per Nadia
Spallitta, Vice Presidente Vicario del Consiglio comunale di Palermo. «L'azione del Consiglio condivisa anche dall'Amministrazione - prosegue -  ha rappresentato la volontà
di salvaguardare quanto più possibile la condizione di crisi economica che investe le famiglie palermitane».

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X