L'INDAGINE

Mafia dei pascoli, 3 arresti per tentata estorsione alle sorelle Napoli: denunciarono minacce

di
Palermo, Cronaca

Tre persone sono state arrestate per tentata estorsione alle sorelle Napoli di Mezzojuso. Si tratta di Simone La Barbera detto "Il  lungo", Antonino Tantillo detto "Nenè", e Liborio Tavolacci, ritenuti responsabili, in concorso tra loro, di tentata estorsione ai danni di Irene, Gioacchina e Marianna Napoli e Gina La Barbera.

Le donne, da oltre dieci anni, hanno denunciato di essere oggetto di varie violenze e minacce finalizzate all'acquisizione della proprietà e la gestione della loro azienda agricola, in un terreno a Corleone.

Le indagini sono state avviate nel 2015 quando è stata più volte tagliata la recinzione del cancello dell'azienda agricola delle donne e vi sono stati introdotti degli animali con l'intento di danneggiare il raccolto. In tre occasioni è stato anche divelto il lucchetto e sono stati uccisi anche i due cani delle sorelle Napoli.

I fatti, però, hanno origine già nel 1998 quando Antonino Tantillo tese un agguato a Irene e Gioacchina Napoli; bloccò con la propria auto la vettura sulla quale viaggiavano le due e cominciò a scagliare alcune pietre.

Epifanio Mastropaolo, presente al momento dell'agguato, aveva "consigliato" alle due sorelle di non denunciare Tantillo, portandole dal boss mafioso Nicola La Barbera, detto "Don Cold" il quale, ascoltato il racconto, aveva dato ordine di cessare momentaneamente con le invasioni dei terreni delle Napoli.

Alla morte di Nicola La Barbera ricominciarono i danneggiamenti; Simone La Barbera, Liborio Tavolacci e Antonino Tantillo ritornarono ad introdurre i loro animali e gli animali di proprietà dell'Istituto zootecnico "Giardinella" (custoditi da La Barbera e Tavolacci) all'interno della proprietà delle Napoli attraverso il taglio delle recinzioni.

Simone La Barbera cercò in tutti i modi di convincere le Napoli a cedere la loro azienda o a farla gestire a terzi, impegnandosi personalmente a fermare i danneggiamenti e le invasioni di animali, anche in cambio del ritiro di una delle denunce presentate da Irene Napoli Irene. Liborio Tavolacci, anche tramite la moglie, minacciò più volte le Napoli affinché ritirassero la denuncia e affidassero la gestione della loro azienda al fratello Luciano Tavolacci.

Dopo le prime denunce presentate dalle sorelle Napoli, la Procura della Repubblica di Termini Imerese chiedeva l'archiviazione, ritenendo pienamente provata la sussistenza della tentata estorsione, ma non la riconducibilità ai tre arrestati di oggi.

Successivamente, le indagini vennero riaperte dopo la denuncia, per calunnia, presentata proprio da Simone La Barbera contro le sorelle Napoli. Ciò consentì di svolgere ulteriori approfondimenti, anche mediante intercettazioni, ottenendo la prova della colpevolezza di Simone La Barbera e dei suoi complici.

"Siamo diventate il disonore della famiglia Napoli perché abbiamo deciso di denunciare", avevano detto alcuni giorni fa le tre sorelle al termine dell’audizione in commissione regionale Antimafia, Irene Anna e Gioacchina Napoli.
''Confidiamo nell'operato delle forze dell'ordine e della magistratura che stano cercando di fare chiarezza sulla vicenda. Un plauso va agli inquirenti che lavorano per la verità. Non c'è alcun dualismo tra le istituzioni e le sorelle Napoli, non c'è mai stato ed è documentabile l'attività svolta dall'amministrazione a sostegno delle vittime delle mafie, fatta eccezione per la iniziale prudenza per la vicenda che riguarda le sorelle Napoli, fino all'assemblea di domenica scorsa. Crediamo nella giustizia cui ci siamo rivolti anche per tutelare l'immagine e l'onorabilità dell'amministrazione e della comunità che ripudia la mafia e la violenza e che non ha mai vergogna o dubbi nel rivolgersi ai carabinieri''. Lo dice Salvatore Giardina sindaco di Mezzojuso, dopo l'ordine di custodia cautelare nell'ambito dell'inchiesta sulle intimidazioni mafiose.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X