IL DIBATTITO

Sacramenti ai divorziati? La Chiesa palermitana si divide

di

PALERMO. Non si tratta di fare accedere ai sacramenti tutti i divorziati risposati o conviventi indistintamente, ma di avere sacerdoti e laici pronti ad accompagnarli nel loro cammino di fede, esaminando caso per caso, tenendo conto della coscienza di ognuno e del percorso compiuto. E soprattutto attenendosi a indicazioni valide in tutta la diocesi.

Non si parla d’altro nella Chiesa di Palermo, tra i preti e nelle comunità. La portata rivoluzionaria contenuta nell’esortazione apostolica «Amoris laetitia», scritta da papa Francesco dopo il sinodo sulla famiglia, sta ponendo interrogativi forti e costringendo tutte le componenti ecclesiali a un animato dibattito sulle nuove sfide della pastorale familiare e, in particolare, sull’accoglienza delle «famiglie ferite».

Un’urgenza a giudicare anche dai numeri che vedono un aumento dei divorzi, complice anche la procedura «breve»: secondo i recenti dati diffusi all’inaugurazione dell’anno giudiziario, le sentenze di divorzio sono passate da 798 a 1.239 (+55,3%) nell’ultimo anno.

DAL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA. PER LEGGERE TUTTO L'ARTICOLO ACQUISTA L'EDIZIONE DI PALERMO DEL QUOTIDIANO O SCARICA LA VERSIONE DIGITALE

 

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X