stampa
Dimensione testo

Società

Home Video Società Settimana studentesca, il video del Cannizzaro di Palermo virale su Tik Tok

Settimana studentesca, il video del Cannizzaro di Palermo virale su Tik Tok

Accompagnata dalle note di Avicii, Azzurra apre la porta di una classe. Il cartello indica la materia: “Corso di trading”, poi le immagini dell'incontro di educazione sessuale sulle malattie trasmissibili tenuto dalla Croce Rossa, il torneo di ping pong, dibattiti e videoconferenze.
Così il video della settimana studentesca postato dai ragazzi del liceo scientifico Cannizzaro di Palermo è diventato virale su Tik Tok. Raggiungendo in un solo giorno le 500mila visualizzazioni.

“Ragazzi di tutta Italia stanno commentando – spiega la rappresentante d'istituto, Azzurra Chiarelli – dicendo che sono estasiati da quello che abbiamo organizzato e che vorrebbero fosse replicato anche nella loro scuola”. Il video ha raggiunto in due giorni più di 81mila like e 3000 condivisioni. “Secondo me ha avuto così tanto successo – continua Azzurra - perché non è una cosa che si è potuta fare in molte scuole. Tutti sentiamo la necessità di tornare a scuola in normalità”.

Per i "cannizzarini" la settimana dello studente è ormai una tradizione ricorrente, che non si è fermata nemmeno in questi ultimi due anni di pandemia. “Molte scuole ci hanno invidiato questo programma – commenta Vincenzo Galioto - ci hanno scritto rappresentanti da tutta Italia per chiederci come abbiamo fatto ad organizzarlo”.

Tornei sportivi, il primo soccorso, l'astronomia, la letteratura e il cinema, con Paride Benessai. E ancora: il torneo di scacchi, il cubo di rubik, la posta del cuore e i bitcoin. Più di trenta attività, organizzate e scelte dagli studenti, spalmate nei diversi giorni della settimana.
Queste attività sono state anche un momento di socialità ritrovata – spiega Vincenzo - per la prima volta dopo due anni abbiamo avuto la possibilità di conoscere persone che non appartenevano alla nostra classe. E' stato bello vedere nascere nuove amicizie”.

Molti corsi si sono svolti anche in didattica a distanza. Gli studenti si sono organizzati sfruttando al massimo l'utilizzo delle piattaforme creando quiz e incontri con relatori che altrimenti avrebbero avuto difficoltà a raggiungere l'istituto, come ad esempio lo scrittore Jonathan Fiorentino che con il corso di scrittura creativa ha appassionato molti studenti. “E' stato un incontro molto stimolante e di grande ispirazione – spiega Carolina Crimi di V Q – Jonathan è un ragazzo davvero disponibile, è riuscito a coinvolgere tutti i partecipanti con la sua storia e con la sua professione da autore. Per molti ragazzi che sognano di intraprendere la carriera da scrittori parlare con una persona che ha vissuto tutte le tappe necessarie per diventare autori di un libro è stato decisivo per il loro futuro”.

Tra le attività che hanno riscosso maggior successo c'è “Let's talk about”, un'aula dibattito gestita dagli studenti su temi di attualità. Dalle conseguenze della Dad sulla psiche alla legalizzazione delle droghe leggere, il conflitto in Ucraina, etica e progresso, green pass e prostituzione. Diversi i temi su cui gli studenti si sono ritrovati a dibattere. “E' stato molto bello vedere come tante opinioni diverse – commenta Giulia D'Alessandro di 4P - possano aiutare a migliorarsi e ad imparare a guardare ogni tema da tanti punti di vista”.

“Una bellissima opportunità che non avevamo da tempo – spiega Vincenzo Galioto - il fatto che ci fosse un docente che ascoltava senza intervenire è stato meraviglioso”. A presenziare i dibattiti, la professoressa Signorino, docente di storia e filosofia del liceo scientifico di via Arimondi: “Io ero lì solo a supervisionare che il dibattito venisse condotto nelle regole di reciproco rispetto. - spiega la docente - I ragazzi sono stati eccellenti, oggi hanno toccato il tema della guerra in Ucraina dando un taglio critico alle notizie e legandolo al tema del giorno, ovvero l'etica”.

Così in questa settimana i docenti si sono seduti tra i banchi e a prendere le redini delle ore di lezione sono stati i ragazzi. “Sembrava star passando una settimana fuori dal mondo – commenta Riccardo Gambino, di V Q - in cui eravamo noi ad amministrare la scuola”.

Molto apprezzato anche il corso di trading durante il quale gli studenti hanno approfondito le basi del business e della compravendita di azioni online. “È stato coinvolgente - afferma Iolanda Genova III E - Mi ha aperto un nuovo mondo, che prima non conoscevo bene. È stato un corso inusuale ed è stato organizzato bene.”

Criminologia, mafia, astrologia e buchi neri. Approfondimento culturale ma anche sport e socialità. Più di 200 gli studenti iscritti all'attività Posta del Cuore in cui i partecipanti potevano mandare dei messaggi anonimi chiedendo consigli su fatti molto personali. “Il corso – racconta Riccardo - si è presto trasformato in un dibattito sulla vita di noi liceali, pieno di umorismo e autocritica. Una ragazza ci ha raccontato dei diversi intrighi nel suo gruppo di amici che ci ha ricordato la serie tv cult Beautiful, strappandoci qualche sorriso. Un altro ragazzo ha dichiarato di essere gay, ma di non volerlo dire ai suoi amici per paura del loro giudizio”.

Tra le attività previste anche gite scolastiche e una ciaspolata finale sulle Madonie.
“Tutte le classi hanno fatto la richiesta per partecipare – conclude Azzurra - da questo si evince il bisogno di ritornare alla normalità e di tornare a stare all'aria aperta. Sono cose che purtroppo in questi due anni ci sono mancate, sentivamo il bisogno di fare qualcosa di diverso dallo stare davanti ad un computer”.

© Riproduzione riservata

TAG:

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X