stampa
Dimensione testo

Salute

Home Video Salute Palermo, la musica come un farmaco: concerto per i pazienti oncologici

Palermo, la musica come un farmaco: concerto per i pazienti oncologici

Musica per alleviare la sofferenza. Un appuntamento più unico che raro quello che ha visto suonare il direttore musicale del Teatro Massimo, Omer Meir Wellber, e il violinista Julian Rachlin all'interno dell'Hospice de “La Maddalena” di Palermo.

Le musiche di Bach hanno risuonato tra i corridoi dell'Hospice, allietando i degenti. Un dono e un'emozione non solo per i pazienti ma anche per i medici e gli infermieri del centro, impegnati ogni giorno ad attenuare il dolore di chi si trova in questi reparti. Ad accoglierli il professore Sebastiano Mercadante, responsabile dell'unità operativa di terapia del dolore e dell'hospice de La Maddalena e direttore di "Friends Against Pain and Suffering" (amici contro il dolore e la sofferenza), l'onlus che da ventitré anni si occupa di assistenza e ricerca per i malati oncologici terminali, e Clara Monroy, coordinatrice dei volontari che operano nella struttura.

“La musica è un lasciapassare per le emozioni – dice il sovrintendente della Fondazione Teatro Massimo Marco Betta - e arriva senza mediazioni a nutrire l’anima e il corpo di ognuno di noi. Siamo felici di avere contribuito a far trascorrere una giornata diversa a un pubblico un po’ speciale come quello di oggi”.

© Riproduzione riservata

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X