stampa
Dimensione testo

Multimedia

Home Video Multimedia La Torre 33 anni dopo, il video della cerimonia di commemorazione

La Torre 33 anni dopo, il video della cerimonia di commemorazione

PALERMO. "L'impegno di Pio La Torre contro la mafia l'ha reso un punto di riferimento per il nostro Paese". Così il presidente della Repubblica Sergio Mattarella ha ricordato, in un messaggio inviato al Centro Pio La Torre, il deputato del Pci ucciso 33 anni fa a Palermo insieme al suo collaboratore Rosario Di Salvo.

Il Capo dello Stato ha poi espresso il suo "apprezzamento per il progetto educativo antimafia con cui il Centro La Torre da molti anni ne onora la memoria". In via Li Muli, a Palermo, dove una lapide ricorda il luogo dell'agguato, 33 studenti della scuola elementare 'Ragusa Moleti' e dell'istituto per il turismo 'Marco Polo' hanno lasciato un fiore, uno per ogni anno trascorso da quel 30 aprile 1982. Alle 9.20, ora dell'omicidio mafioso, il minuto di silenzio. "Ricordare Pio La Torre in maniera non retorica - ha detto il ministro Andrea Orlando in una lettera inviata al centro studi - significa trasmetterne l'esempio e farsi testimoni della necessità per cui la democrazia diventi uno spazio pubblico in cui i bisogni, i sogni e le aspirazioni dei più deboli possano trovare non solo ascolto, ma anche voce".

Tra le autorità intervenute a Palermo anche Susanna Camusso, segretario generale Cgil: "Prima ancora di essere un parlamentare, Pio La Torre era un sindacalista e questo non lo ha mai dimenticato - ha detto -. Nelle relazioni contenute nell'inchiesta del '77, La Torre indagava già sulle modalità di aggiudicazione degli appalti dei cantieri navali di Palermo e ancora oggi potremmo fare lo stesso in tutti i cantieri del Paese". "Il tema degli appalti è quello che denunciamo da tempo come una delle grandi strade attraverso cui si infiltra la criminalità organizzata", ha aggiunto Camusso che più volte ha richiamato i temi del lavoro e della lotta contro le "nuove forme di schiavitù a cui sono soggetti i migranti".

Un tema richiamato anche da Vito Lo Monaco, presidente del centro studi Pio La Torre, che ha parlato di un "Mediterraneo diventato cimitero di poveri dannati che sognavano un mare di pace". "Questa città e la nostra isola non devono vedere più altre lapidi", ha detto visibilmente commossa Tiziana Di Salvo, figlia di Rosario che non era solo l'autista ma un compagno di mille battaglie. Assieme a Franco La Torre, figlio di Pio, sul palco anche Mario Nicosia, ultimo superstite della strage di Portella della Ginestra che ha voluto testimoniare la sua vicinanza ricordando i tanti caduti, soprattutto bambini, nella strage del primo maggio.

"Rosario Di Salvo e Pio La Torre sono stati uccisi da uno stato che aveva il volto mafioso. Quella mafia c'è ancora ma non governa più la città - ha detto il sindaco, Leoluca Orlando - speriamo che l'elezione del Presidente Mattarella trasformi la lotta alla mafia in storia e lotta nazionale del nostro Paese".

© Riproduzione riservata

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X