stampa
Dimensione testo

Mangiare e bere

Home Video Mangiare e bere Villaggio Coldiretti, Ferreri: "Si rafforza il no al cibo sintetico, Sicilia regina del made in Italy"

Villaggio Coldiretti, Ferreri: "Si rafforza il no al cibo sintetico, Sicilia regina del made in Italy"

Ultima giornata per la tappa palermitana del villaggio Coldiretti. Una manifestazione che ha posto al centro della città i temi e le battaglie più care all’associazione degli imprenditori agricoli, come la difesa della biodiversità e lo stop alla produzione di cibo sintetico. Lotte che vanno combattute non solo sul campo normativo, come promesso dal ministro dell’Agricoltura e del Made in Italy Francesco Lollobrigida, ospite nella seconda giornata della kermesse del chilometro zero, ma anche e soprattutto sul piano culturale, avvicinando la gente alla qualità.

Per Francesco Ferreri, presidente regionale Coldiretti, questa tappa è riuscita a trasmettere a pieno il suo messaggio: «Il bilancio della tre giorni è positivo - sottolinea Ferreri - perché abbiamo messo al centro il miglior cibo made in Italy e la grande biodiversità che possono offrire il Paese e la Sicilia. Sono stati giorni intensi dove si è raccontato del cibo e sopratutto si è presa una posizione molto forte rispetto al no al cibo sintetico».

E in questo Palermo si è rivelata tappa fondamentale, avendo raggiunto la quota di 350 mila firme per lo stop ai laboratori del cibo artificiale. Ma ciò che emerge è a che la grande difficoltà a cui andranno incontro tante famiglie in questo periodo natalizio: proprio Coldiretti ha stimato che circa 3 milioni di italiani nel periodo di Natale saranno costretti a chiedere aiuto facendo ricorso alle mense per i poveri o ai pacchi alimentari.

Il numero dei bambini sotto i 15 anni, bisognosi di assistenza per mangiare che ha superato quota 600mila, praticamente un quinto del totale degli assistiti, ai quali vanno aggiunti 337 mila anziani sopra i 65 anni, e 687mila migranti stranieri; senza considerare coloro che hanno perso il lavoro, piccoli commercianti o artigiani che hanno dovuto chiudere: «Coldiretti - conclude Ferreri - è orientata al sociale e sta raccogliendo attraverso la spesa sospesa cibo per tutti coloro che sono in difficoltà»

© Riproduzione riservata

TAG:

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X