stampa
Dimensione testo

Economia

Home Video Economia Palermo, protestano lavoratori di discoteche e sale ballo: "Ci sentiamo presi in giro"

Palermo, protestano lavoratori di discoteche e sale ballo: "Ci sentiamo presi in giro"

Protestano i lavoratori di discoteche e sale da ballo. Un anno e sette mesi di stop per l’intera categoria, compresi i collaboratori che ruotano attorno al mondo dell’intrattenimento notturno, come Dj, buttafuori, tecnici, baristi.

“Ci sentiamo presi in giro - afferma Vincenzo Grasso, presidente Silb Confcommercio Palermo - si balla ovunque, tranne che nelle discoteche”. Il presidente porta come esempi i bar, ristoranti, le piazze, i lidi balneari, luoghi dove la gente, spesso assembrata, si diverte senza osservare le norme di sicurezza.

“Noi avevamo proposto un protocollo con un concetto di locali covid-free, che permetteva l’accesso alle discoteche solo a vaccinazione effettuata, o con tampone negativo. Il Protocollo non è stato autorizzato, ma nel frattempo assistiamo al ballo libero dovunque senza alcuna norma di sicurezza”.

© Riproduzione riservata

TAG:

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X