stampa
Dimensione testo

Blutec di Termini, Di Maio incontra i lavoratori: "Troveremo soluzione, azienda rispetti gli impegni"

"La mia vicinanza non è solo stare in piazza, ma è la vicinanza di uno Stato che se deve cambiare una legge per aiutarvi la cambia". Lo ha detto il vicepremier e ministro del Lavoro e dello Sviluppo Economico, Luigi Di Maio, incontrando a Termini Imerese i lavoratori della Blutec.

"Venite a al ministero e firmiamo l’accordo per gli ammortizzatori sociali. Avrete sempre il nostro sostegno come lavoratori, chiederemo alla proprietà di rispettare gli impegni, ma una soluzione la troveremo, che sia questa o un’altra. Sono fiducioso, l’obiettivo è rimettere a lavorare tutti nelle migliori condizioni possibili", ha proseguito, annunciando che convocherà al Mise i rappresentanti dei lavoratori dopo il ponte dell’1 novembre.

"La mia parola è una, abbiamo risolto i problemi Bekaert, Ilva e Whirlpool, e lo faremo anche qui - ha proseguito Di Maio -. Non ce la potete fare da soli, coinvolgerò anche gli enti locali, accanto alla Blutec ci dobbiamo stringere tutti. Alla nuova proprietà dobbiamo chiedere di mantenere impegni. Qua la dobbiamo risolvere una volta per tutte la storia, per reindustrializzare seriamente. Stiamo aspettando entro novembre, quindi nei prossimi giorni, una risposta da Blutec sul mantenimento degli impegni che ha assunto e delle promesse che ha fatto. Altrimenti ci metteremo insieme ai lavoratori, ai tecnici del ministero e troveremo un’altra soluzione".

Dopo avere parlato agli operai di Blutec davanti al piazzale della fabbrica con i lavoratori che hanno accolto con soddisfazione i suoi impegni per la soluzione della vertenza Di Maio ha incontrato in forma privata una ventina di lavoratori di alcune aziende dell’indotto ex Fiat, rimasti senza paracadute sociale. Per queste persone il ministro ha inserito nel decreto fiscale una norma, estesa anche ai lavoratori di Gela, per l’attivazione di ammortizzatori. All’incontro col ministro partecipano anche alcuni familiari.  dei lavoratori.

«Il passaggio da Termini Imerese del vicepresidente del Consiglio nonché ministro del Lavoro, Luigi Di Maio, è stata un’occasione mancata, ovviamente per il ministro stesso». Lo afferma il sindaco di Termini Imerese, Francesco Giunta.  "Egli, infatti, ha perso l’occasione per un confronto con le istituzioni cittadine, - prosegue - che peraltro avevano manifestato apprezzamento per quella che appariva un’apertura al territorio e non, come invece si è poi rivelata, un’apparizione dal sapore elettoralistico».

© Riproduzione riservata

PERSONE:

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X