stampa
Dimensione testo

Economia

Home Video Economia Cantieri navali di Palermo, i lavoratori scendono in piazza - Video

Cantieri navali di Palermo, i lavoratori scendono in piazza - Video

PALERMO. Sono scesi in piazza, a Palermo, i lavoratori di Fincantieri e dell'indotto, per uno sciopero, indetto dalla Fiom. Un sit-in è stato organizzato davanti alla Prefettura a partire dalle 9, per chiedere, si legge in una nota, «il rinnovo del contratto integrativo e per denunciare al prefetto di Palermo la situazione drammatica del Cantiere palermitano, dove l'attività delle due principali officine sta per concludersi e non si prospettano nuovi carichi di lavoro da metà giugno in poi.

Un quadro che ha assunto tinte ancora più fosche dopo il taglio dell'emendamento all'Ars, durante la discussione della Finanziaria, che assegnava 15 milioni (ex fondi Espi) alla realizzazione del bacino di carenaggio da 80 mila tonnellate».

«Chiediamo al prefetto di intervenire tempestivamente con le istituzioni - dichiarano il segretario della Fiom Cgil di Palermo Angela Biondi e Francesco Foti della Rsu -. Non vorremmo trovarci a luglio di nuovo con gli ammortizzatori sociali nella più grande azienda della città».

«I lavoratori - aggiungono i sindacalisti - temono la prospettiva di una nuova ondata di cassa integrazione e il ridimensionamento del cantiere. Lo sciopero, di 8 ore, che coinvolgerà tutti i
turni, è stato proclamato solo dalla Fiom».

«Da un lato - proseguono i sindacalisti -, l'azienda Fincantieri, che continua a ripetere che senza la realizzazione del nuovo bacino non saranno garantiti i livelli occupazionali e il futuro dello stabilimenti. Dall'altro lato, l'emendamento affossato in Aula all'Ars. Ci ritroviamo in mezzo a una diatriba tra le istituzioni, che ci hanno abbandonati, e Fincantieri che ci tiene in sospeso - denunciano Biondi e Foti -. La Fiom fino a ieri ha chiesto all'azienda: ci ha risposto che non abbiamo altri carichi di lavoro.

La prima officina, dove si compongono i pannelli per realizzare i blocchi delle navi, ha visibilità di lavoro fino a fine maggio. E l'officina tubisti, dove si realizzarono i tubi per montarli poi a bordo, fino a metà giugno. Tutto questo mentre invece sappiamo che Fincantieri ha un pacchetto di ordini che darà lavoro fino al 2020 a tutti i siti italiani. Solo Palermo è rimaste esclusa dal circuito produttivo». «A tutto questo si aggiunge il contratto integrativo che Fincantieri ha disdetto. I lavoratori hanno il salario decurtato: perdono circa 3.500 euro l'anno, l'ammontare dei premi di efficienza, produttività, programma», concludono.

© Riproduzione riservata

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X