stampa
Dimensione testo

Cultura

Home Video Cultura Palermo, a Palazzo Abatellis la mostra VB94 di Vanessa Beecroft: «Omaggio alle donne e all'arte»

Palermo, a Palazzo Abatellis la mostra VB94 di Vanessa Beecroft: «Omaggio alle donne e all'arte»

na performance che vedrà protagoniste ventuno donne palermitane, "collegate" alle sculture inedite di Vanessa Beecroft, aprirà la mostra VB94 domani, giovedì 8 dicembre dalle ore 18 alle 21, alla Galleria regionale di Palazzo Abatellis (Via Alloro, 4 – Palermo). L'esposizione è stata presentata oggi in anteprima dall'assessore ai Beni culturali e all'identità siciliana, Elvira Amata, e dall'artista internazionale con gli interventi della direttrice di Palazzo Abatellis, Evelina De Castro, del presidente dell'associazione Amici dei musei siciliani, Bernardo Tortorici, e del compositore Gustave Rudman.

Fino all’8 gennaio saranno esposte grandi teste femminili modellate in creta e poi riprodotte in ceramica, bronzo e cera, collocate dalla Beecroft su basi “sostenibili” ideate e realizzate con legni di recupero ispirati allo stile di Carlo Scarpa. La mostra, in collaborazione con l’associazione Amici dei musei siciliani e con il sostegno dell’assessorato regionale dei Beni culturali, si snoda tra il cortile e le sale al piano terra di Palazzo Abatellis, dedicate alla collezione scultorea.

Le opere, realizzate da Beecroft nel suo studio di Los Angeles su un progetto appositamente studiato per gli spazi del palazzo nobiliare, legano, attraverso un ideale filo rosso, le donne che nel corso dei secoli hanno abitato la dimora storica palermitana: dalle nobildonne della famiglia Abatellis alle monache del convento di Santa Maria della Pietà che lì hanno vissuto fino alla Seconda guerra mondiale, quando l’edificio fu trasformato in museo. Obiettivo del progetto è quello di rendere omaggio alla più importante collezione pubblica siciliana di arte rinascimentale, cui si ispirano le opere realizzate, in un dialogo con l'arte contemporanea che lega passato e presente, staticità e movimento.

«Un omaggio alla forza e alla sapienza delle donne che nell’arte e nella storia custodite alla galleria Abatellis trovano altissime forme espressive - sottolinea l’assessore Elvira Amata -. Un progetto, quello di Vanessa Beecroft, che ringrazio per la sua sensibilità, che guarda alle donne e alle pressioni subite nei millenni, esaltando la bellezza artistica della Sicilia e il valore che il femminile ha da sempre ricoperto nella storia dei paesi mediterranei. La nostra Isola, culla di cultura oggi come nell’antichità, apre le porte a quanti, attraverso la loro arte, intendono contribuire a valorizzare il patrimonio regionale e contribuire a dare respiro internazionale all’Isola».

Nella performance di domani, le modelle saranno allo stesso tempo eteree, classiche e contemporanee: indosseranno vesti bianche che rimandano alle monache di clausura e attraverso i loro volti richiameranno sia le visioni marmoree rinascimentali di Francesco Laurana e Antonello Gagini che i ritratti contemporanei delle donne di Palermo. Alcune appartengono all'aristocrazia locale, altre abitano il centro storico e di queste alcune sono migranti di prima e seconda generazione: tutte loro popoleranno le sale del museo dove sono esposte le opere scolpite nel XV e XVI secolo che, in dialogo con le opere contemporanee di Vanessa Beecroft, costituiscono un rimando vivo verso le loro controparti plastiche. I visitatori potranno essere parte della performance e per questo l’artista consiglia un dress code nero casual.

Durante la performance un coro di voci femminili modulerà la colonna sonora originale composta dal musicista franco-svedese Gustave Rudman, che contribuisce a unire e armonizzare tutti gli elementi presenti a Palazzo Abatellis. Il progetto è stato ideato e prodotto da Vanessa Beecroft Studio – Los Angeles, con la partecipazione della galleria Lia Rumma, Napoli/Milano e il supporto della famiglia Planeta.

«Un lavoro - evidenzia Evelina De Castro, direttrice della Galleria regionale di Palazzo Abatellis - che ha preso avvio due anni fa e che ha visto l’Abatellis accompagnare per mano l’artista nei suoi lunghi soggiorni all’interno delle sale della Galleria per respirarne l’anima e coglierne le vibranti energie. Un progetto che sposa l’essenza dello stesso allestimento museale voluto da Carlo Scarpa nel '54 ed esalta il busto di Eleonora di Aragona, archetipo e spirito guida del museo e della produzione artistica della Beecroft in questa mostra».

Vanessa Beecroft torna a Palermo per la seconda volta, dopo la performance VB62 che si è svolta nell’ex-chiesa di Santa Maria dello Spasimo nel 2008 e della quale la nuova esposizione rappresenta un'ideale prosecuzione, confermando un rapporto mai interrotto con la Sicilia e il suo patrimonio artistico. Sempre a Palermo, la Beecroft svelerà la sua personale interpretazione della Natività di Caravaggio il 24 dicembre all'oratorio di San Lorenzo nell'ambito del progetto Next, iniziativa culturale ideata dagli Amici dei Musei Siciliani per mantenere viva la memoria della tela realizzata nel 1600 da Caravaggio, trafugata dall'oratorio la notte del 17 ottobre 1969 e mai più ritrovata.

© Riproduzione riservata

PERSONE:

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X