stampa
Dimensione testo

Cultura

Home Video Cultura Arianna Porcelli Safonov alle Notti Clandestine: «Falcone e Borsellino i miei eroi»

Arianna Porcelli Safonov alle Notti Clandestine: «Falcone e Borsellino i miei eroi»

Si è concluso il sesto appuntamento delle "Notti Clandestine" a Termini Imerese. Ad aprire la serata, la presentazione del romanzo "Sono cose che passano" (La Nave di Teseo Editore) di Pietrangelo Buttafuoco. «È una storia che ho incontrato, l'ho fatta mia e l'ho raccontata - ha commentato l'autore - La difficoltà è stata nel dopo stesura. Ho scritto la storia anni fa, poi è sbucata la stagione della pandemia. L'ho tenuto fermo e ho aspettato che arrivassero giornate migliori, ho approfittato di queste e l'ho portato alla luce». Sulle prossime settimane pre elettorali il giornalista ha aggiunto: «Ci dobbiamo aspettare quello che già nel presagio ho raccontato. Siamo in un periodo difficilissimo, non sarà una soluzione elettorale a risolverlo, è qualcosa di molto più grande rispetto al nostro perimetro nazionale, è qualcosa che riguarda il mondo intero, il famoso grande gioco, dove si muovono nello scacchiere internazionale pezzi che hanno una strategia, una prospettiva e soprattutto hanno un conflitto. L'Italia non ha sovranità - ha concluso - va a rimorchio ma ha un vantaggio geografico che è quello di essere al centro del Mediterraneo quindi al centro del transito del futuro. Quando ne avrà consapevolezza sarà sicuramente un grande giorno».

Nella prima parte di serata Arianna Porcelli Safonov ha recitato il suo monologo inedito "Mafia e/o Stato", unica data. «È nato dall'esigenza ventennale di produrre qualcosa che rendesse omaggio alla riflessione sulla più grande ingiustizia di Stato che sia mai stata prodotta dal nostro Paese - ha commentato l'artista - Quell'evento ha cambiato la vita non solo dei siciliani ma di tutti gli italiani. Io vivevo a Roma, avevo nove anni e quale città peggiore dove vivere le conseguenze di questi episodi. Ho un ricordo vivissimo. Falcone e Borsellino restano tutt'oggi i miei eroi, non sono stati ancora sostituiti da nessuno e temo non verranno sostituiti da nessuno perché non nascono più persone come Falcone, Borsellino o Rocco Chinnici. Non nascono più - ha sottolineato Safonov - persone in grado di sentire l'esigenza di riuscire a sopportare l'arrivo della morte per difendere i propri ideali».

Il sesto appuntamento si è chiuso con il concerto live acustico "My musical wonderland" di Alessandra Salerno. «È uno spettacolo pieno di suggestioni nato dal mio ritorno in Italia dopo avere vissuto nelle Americhe, prima negli Stati Uniti e poi, nella seconda ondata di pandemia, in Brasile. Porto in scena le musiche del mio nuovo album prodotto in un periodo meraviglioso dove ho vissuto in giro per il mondo e che è stato stampato durante la pandemia. In questo disco ho unito le suggestioni che mi riconducono alle Americhe ma che mi legano alla mia terra, la Sicilia».

La kermesse proseguirà oggi, 7 agosto, con la presentazione del libro "Sotto le stelle di Roma" (Spazio Cultura Edizioni) di Massimo Benenato. Alle ore 21.30 seguirà lo spettacolo teatrale "Recital" di Gianfranco Jannuzzo. A seguire (ore 22.30) concerto live acustico delle Cantautrici - Mariella Nava, Grazie Di Michele e Rossana Casale.

L'evento "Notti Clandestine" è stato patrocinato dall'assessorato Regionale del Turismo, sport e spettacolo, dal Comune di Termini Imerese, dall'associazione Addiopizzo, dal Museo del Motorismo siciliano e della Targa Florio e dalla ZIT (Associazione imprese Zona Industriale di Termini Imerese) e ha avuto il contributo di LVS Group, Enel e Tecnimpianti Navim Group.

L'ingresso agli spettacoli è libero fino a esaurimento dei posti e non è necessaria la prenotazione.

© Riproduzione riservata

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X