stampa
Dimensione testo

Cultura

Home Video Cultura Danza e spettacoli, a Palermo torna il festival ConFormazioni: il programma

Danza e spettacoli, a Palermo torna il festival ConFormazioni: il programma

Torna il festival ConFormazioni, festival di danza e linguaggi contemporanei che da quattro anni va in scena a Palermo offrendo ai suoi ospiti spettacoli, workshop e performance in diversi luoghi della città. Quest’anno, contrariamente alla tradizione che lo voleva nel periodo primaverile, il festival si svolgerà dall’11 al 13 settembre, in uno short format a cui nondimeno parteciperanno celebri personalità del mondo dello spettacolo.

Tra i tanti nomi nel palinsesto brillano di certo quelli dei coreografi Virgilio Sieni e Roberto Zappalà, che, insieme agli altri, declineranno il tema “La forma del desiderio”, a cui è dedicata la quarta edizione del festival. Per desiderio, concetto che verrà espresso dai vari artisti in maniera differente, si intende quella tensione, passione, voglia di contatto fisico rimessa in discussione proprio in un momento storico di isolamenti e distanziamenti, e che dunque merita di essere approfondita.

Il programma si prospetta fitto e interessante: Virgilio Sieni terrà il workshop di due giorni “Abitare la variazione del corpo”, venerdì 11 e sabato 12 dalle 11 alle 14 all’interno dello Spazio Tre Navate, ai Cantieri culturali della Zisa. L’11 settembre, alle 19.30, si terrà invece allo Spazio Franco il primo spettacolo del festival, “Arsura”, uno studio di Marco Valerio Amico e Rhuena Bracci, del gruppo nanou, che andrà poi in replica in tre turni, alle 20.15, alle 21 e alle 21.45.

Sempre venerdì 11 prenderanno luogo altre due manifestazioni: la performance istallatativa “Exp: je voudrais commencer par sauter”, di e con la coreografa italo svizzera Francesca Sproccati, all’interno degli spazi dei Cantieri Culturali - ore 20, 20.45, 21.30 e 22.15 - e lo spettacolo “Eclipse” a Tavola Tonda, di e con Maria Stella Pitarresi, 20.30, 21.15, 22 e 22.45.

La seconda giornata del festival, sabato 12, si aprirà invece con il dibattito all’Ecomuseo Urbano Memoria Viva sul tema “La forma del desiderio”, ore 17, e proseguirà con la performance di Roberto Zappalà “Performative speech”, alle ore 19.

ConFormazioni si concluderà con gli appuntamenti di domenica 13: alle ore 10, in piazza Sant’Anna, prenderà luogo la performance “Le Baccanti”, del collettivo Muxarte e alle 19 ci sarà lo spettacolo “Solo Goldberg Variations” di Virgilio Sieni e con Andrea Rebaudengo al pianoforte, all’Ecomuseo Urbano Mare Memoria Viva.

“Quest’anno dopo un po’ di smarrimento abbiamo deciso comunque di fare il festival, perché lo riteniamo importantissimo”, dichiara il direttore artistico di ConFormazioni Giuseppe Muscarello, “quindi chiedo al pubblico di seguirci. Siamo stati attenti a rispettare tutte le normative di questa emergenza. Nessuno correrà il rischio di assembramento, ci sarà il distanziamento. Negli anni abbiamo sempre aumentato il numero degli spettatori, speriamo che succeda anche quest’anno nonostante tutto”. “È un festival che appartiene alla storia della città e dobbiamo fare in modo che continui a vivere”, afferma poi il neo assessore alle Culture Mario Zito, “perché per come è stato costruito negli anni e per quello che sarà proposto nella quarta edizione è un festival che entra in dialogo con Palermo, con la sua storia, con le sue bellezze ma anche con le sue contraddizioni”.

Video di Virginia Cataldi.

© Riproduzione riservata

TAG:

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X