stampa
Dimensione testo

Contro il degrado dell'arena Trianon, presentato a Palermo il volume su Giovanni Pernice

È stato presentato questo pomeriggio, a Palazzo Ajutamicristo, il nuovo volume della collana editoriale “Profili d’arte di Kalós”. Un libro che racconta la figura di Giovanni Pernice, ingegnere e progettista in un periodo molto particolare per Palermo, contrassegnato dalle due guerre, dalle ricostruzioni, dal boom edilizio e dall’inizio della speculazione.

Si intitola "Giovanni Pernice. L’arena Trianon e le altre opere" ed è scritto da Fabio Alfano. All’incontro, nella sede della Soprintendenza per i Beni culturali ed ambientali di Palermo, sono intervenuti la soprintendente Lina Bellanca, Renata Prescia (dipartimento di architettura dell’Università degli studi di Palermo), Silvana Lo Giudice della Soprintendenza e Gianfranco Tuzzolino (dipartimento di scienze umanistiche dell’Università degli studi di Palermo).

Partendo dall’opera più conosciuta di Giovanni Pernice, l’Arena Trianon, realizzata nel centro storico di Palermo tra il 1944 e il 1945, oggi nel degrado, nelle pagine del libro si analizzano gran parte dei progetti dell’ingegnere: dagli edifici residenziali agli arredi d’interni, dai villini agli esercizi commerciali, fino ai chioschi, tutte opere in cui emerge nettamente il “decoro” progettuale quale sua cifra stilistica in una fase di grande trasformazione dei linguaggi architettonici.

L’opera di Pernice diviene dunque motivo di riflessione sulla qualità architettonica, urbanistica e ambientale per ribadire la possibilità che abbiamo oggi di costruire bene, di fare vera architettura, rendendo la città il luogo del buon abitare.

© Riproduzione riservata

PERSONE:

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X