stampa
Dimensione testo

Cultura

Home Video Cultura Al Teatro Massimo concerto contro il terrorismo in nome dell’integrazione

Al Teatro Massimo concerto contro il terrorismo in nome dell’integrazione

PALERMO. "L'iniziativa del Teatro Massimo contro il terrorismo, non ha un valore solamente simbolico, ma è la concreta realtà che vive la nostra città, luogo di integrazione, accoglienza e tolleranza, capace di unire, nel segno di una pacifica convivenza, lingue, culture e religioni diverse". Lo ha detto il sindaco di Palermo, tra i presenti, oggi pomeriggio, al concerto "Alzo gli occhi al cielo - le voci delle religioni contro il terrorismo", andato in scena in coincidenza con la grande manifestazione di Tunisi, a 11 giorni dall'attacco al museo del Bardo.
"Con la Consulta delle culture - ha sottolineato il sindaco -, Palermo è l'unica città in Italia ad avere il parlamentino degli stranieri, quarto organo di governo accanto a giunta, consiglio comunale e circoscrizioni. E sempre nella nostra città, nei giorni scorsi, è stata approvata la 'Carta di Palermo 2015', con cui chiediamo l'abolizione del permesso di soggiorno e una radicale modifica della legge sulla cittadinanza. Questa sera, sul palco del Teatro Massimo, è andata in scena anche la semplice rappresentazione della quotidianità di Palermo attraverso la coesistenza di diverse religioni che rappresenta il messaggio più forte che possiamo dare agli estremisti e agli assassini che odiano ogni tipo di confronto e di dialogo". Oltre al sindaco di Palermo e presidente della Fondazione Teatro Massimo, al concerto erano presenti i rappresentanti di tutte le confessioni religiose della città, fra cui il cardinale, Paolo Romeo, l'imam Francesco Macaluso, ed il Presidente della Consulta delle culture, Adham Darawsha.

© Riproduzione riservata

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X