stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Video Cronaca Giovani ambientalisti a Isola delle Femmine liberano il mare da plastica e rifiuti

Giovani ambientalisti a Isola delle Femmine liberano il mare da plastica e rifiuti

Nuova avventura per l’Environmental Club, l’associazione ambientalista di giovani studenti, dai 7 ai 16 anni, nata lo scorso anno a Palermo, impegnata e attenta al rispetto della natura.

Questa mattina, il gruppo, è stato invitato da LiberAmbiente, altra associazione ambientalista guidata da Giuseppe Chiofalo e che opera nell’area di Capaci, Isola delle Femmine e Torretta, una realtà che ha l’obiettivo di tutelare sì il territorio ma nello stesso tempo di promuovere approfondimenti scientifici, di ricerca e studio, azioni di monitoraggio e di sensibilizzazione.

A Isola delle Femmine, l’Environmental Club è stato catapultato nel mondo della ricerca scientifica, con la raccolta di macro e microplastiche, la selezione e la catalogazione dei rifiuti e l’osservazione al microscopio.

I ricercatori a supporto dell'iniziativa, erano della Stazione Zoologica Anton Dohnr (Sicily Marine Centre) e del laboratorio di Ecologia del dipartimento di Scienze della Terra e del Mare dell'Università degli Studi di Palermo, e hanno sviluppato insieme il progetto congiunto di raccolta plastiche scientifica (in seno al progetto di cooperazione Interreg SenHAR).

Presenti anche alcuni studenti del liceo scientifico Benedetto Croce, con il progetto “Il trampolino”, dell’Ecomuseo Mare Memoria Viva di Sant’Erasmo.

I ragazzi dell’Enviromental, piedi in acqua prima e guanti nelle mani poi, hanno potuto scoprire come e in cosa si trasforma la plastica che invade il mare e le spiagge. Non meno importante il catalogare tutti i rifiuti raccolti invece sulla sabbia, dividendoli non soltanto per tipologia, ma contandoli, numerandoli e creando insieme agli esperti un vero e proprio archivio.

Il prossimo appuntamento è in programma per sabato prossimo, 21 maggio, per ripulire il prato del Foro Italico del capoluogo siciliano.

Video di Benedetto Frontini

© Riproduzione riservata

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X