stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Video Cronaca Il video toccante del piccolo puparo di Palermo in ricordo della tragedia dell'Olocausto

Il video toccante del piccolo puparo di Palermo in ricordo della tragedia dell'Olocausto

Un video per non dimenticare. Una piccola testimonianza contro le atrocità dell’Olocausto. A realizzarlo, in occasione della Giornata della Memoria, è stato Antonio Tancredi Cadili, 11 anni, il piccolo puparo di Palermo con la passione per il pianoforte e la recitazione.

“Ho pensato di interpretare questa toccante poesia dai titolo 'Shemà' che apre il libro di Primo Levi 'Se questo è un uomo' - dice il piccolo Antonio -. Sono parole davvero commoventi e che descrivono le sofferenze che hanno dovuto sopportare migliaia di uomini, donne e bambini. È il mio piccolo contributo perché orrori simili non accadano mai più”.

In questo video Antonio non solo interpreta la poesia, ma ha curato anche il montaggio e la musica che si sente in sottofondo, una delle 24 melodie che ha composto.

Il 2 giugno dell’anno scorso per la Festa della Repubblica è stato scelto dai Rai Gulp, assieme ad altri due bambini, per dialogare con il Capo dello Stato, Sergio Mattarella. Nell’estate del 2020 è stato protagonista del film “Il teorema della felicità” di Luca Fortino e quest’anno sarà nelle sale cinematografiche.

La sua passione per i pupi lo ha portato pure ad esibirsi davanti al presidente della Cina Xi Jinping e sua moglie Peng Liyuan in visita a Palermo. La coppia presidenziale si è emozionata e al termine dell’esibizione, il presidente Xi lo ha abbracciato e lo ha invitato in Cina dove nel Fujian c’è anche una tradizione simile. E proprio in Cina a Quanzhou, nel novembre 2019, è stato ospite d’onore alla cerimonia di apertura del Festival Internazionale delle marionette.

Ad agosto del 2019, al termine dell’Udienza generale, ha incontrato Papa Francesco. Un incontro molto affettuoso. Al Santo Padre Antonio ha fatto un piccolo dono: la partitura di una melodia che lui ha composto e dedicata al Papa. Si intitola “La danza del cuore”, perché come ha spiegato lo stesso bambino al Santo Padre “quando la vedo in televisione mi rendo conto che le sue parole vengono dal cuore. Anche queste note sono state dettate dal mio cuore”. E il Papa gli ha regalato un rosario.

© Riproduzione riservata

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X