stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Video Cronaca Il primo prete del 2020 a Palermo, un avvocato mancato al servizio dei malati

Il primo prete del 2020 a Palermo, un avvocato mancato al servizio dei malati

Un nuovo sacerdote nella Chiesa della città. Don Emanuele Spanò, 36 anni, è il primo presbitero ordinato quest'anno dall'arcivescovo monsignor Corrado Lorefice, a pochi mesi di distanza dai tre seminaristi diocesani e due appartenenti a ordini religiosi, che hanno ricevuto il sacramento dell'ordine lo scorso settembre.

La celebrazione con l'imposizione delle mani e la consacrazione da parte dell'arcivescovo si è svolta in Cattedrale.

I suoi genitori lo immaginavano un principe del Foro e invece la chiamata di Dio è stata più forte e la sua formazione ha incontrato anche l'accompagnamento e l'assistenza dei malati gravi. Formatosi nella parrocchia di San Basilio Magno, dopo avere conseguito il diploma di maturità scientifica, si è iscritto alla facoltà di Giurisprudenza di Palermo, ma dopo qualche anno, fatto un serio discernimento ha deciso di abbandonare gli studi e si è iscritto alla Facoltà teologica di Sicilia, dove ha conseguito il baccellierato in Sacra Teologia. Specializzato in «Storia della chiesa», è prossimo a conseguire il dottorato all'Università Gregoriana di Roma.

«Dopo oltre sette anni di preparazione provo gioia mista a paura per il passo definitivo che mi appresto a compiere - afferma don Spanò - e che adesso si concretizza. La vocazione l'ho avvertita con l'adolescenza che si è realizzata appieno nella comunità parrocchiale di San Basilio, aiutato dal parroco del tempo, don Giuseppe Di Giovanni che mi ha aiutato nel discernimento a formulare il mio sì definitivo». Don Spanò, come racconta una nota della diocesi, negli ultimi anni ha maturato una esperienza molto forte a contatto con gli ammalati terminali all'Hospice «Villa Speranza» dell'ospedale Agostino Gemelli a Roma. «Accanto agli ammalati terminali ho imparato questo tipo di pastorale - aggiunge - da una parte è stato difficile, ma sono cresciuto nella capacità di ascolto e di accompagnamento, per me è stata davvero una esperienza arricchente».

A fare festa con lui in Cattedrale amici e parenti, i fedeli della parrocchia di provenienza, i colleghi di facoltà e tutta la famiglia del seminario diocesano, con il rettore don Silvio Sgrò e tutta l'équipe di formatori.

Don Spanò ha già celebrato la sua prima messa nella parrocchia San Basilio, oggi guidata da don Luciano Fricano.

Video di Marcella Chirchio.

© Riproduzione riservata

TAG:

PERSONE:

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X