Nave sequestrata, il colonnello Virgilio: "Droga spesso diretta in Sicilia per arrivare in Europa"

"Si tratta di hashish di provenienza marocchina. Su alcuni di questi colli c'erano marchi che simulavano quello della Mercedes per indicare la buona qualità della sostanza stupefacente. Seppur erano diretti verso coste libiche, gran parte di queste vengono trasbordate nelle coste siciliane per immetterli nel mercato illegale europeo". Lo dice Cosmo Virgilio, comandante della guardia di finanza di Palermo, intervistato sul sequestro di un carico di 5 tonnellate e mezza di hashish nascosto in un veliero battente bandiera turca nel Canale di Sicilia e che ha portato all'arresto di tre membri dell'equipaggio.

L'operazione Libeccio International è stata condotta dai finanzieri del nucleo di polizia economico finanziaria di Palermo, con il supporto operativo del gruppo aeronavale di Messina e del servizio centrale investigazione criminalità organizzata grazie anche alla collaborazione internazionale con le autorità francesi e turche.

© Riproduzione riservata

PERSONE:

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X