Scuola, il sit-in a Palermo: "Chiederemo l'ampliamento degli organici"

Ampliare gli organici per migliorare la qualità della scuola in Sicilia. Sono queste le richieste oggetto del sit-in organizzato oggi da Flc Cgil, Cisl Scuola e Uil Scuola della Sicilia, nell'ambito della mobilitazione nazionale unitaria #IoLavoroaScuola. La protesta si è svolta presso la sede dell’Ufficio scolastico regionale, in via Fattori 60 a Palermo.

Le organizzazioni sindacali hanno chiesto di garantire la stabilizzazione degli organici in Sicilia ed in particolar modo l’organico di sostegno e l’organico Ata; aumentare il tempo scuola e garantire l’accesso a tutti gli studenti siciliani al tempo pieno, al pari delle regioni del Nord Italia; prevedere una fase transitoria finalizzata all’immissione in ruolo dei docenti vincitori di concorso, già abilitati o con tre anni di servizio; consentire l’accesso alle procedure concorsuali per più classi di concorso; garantire l’istituzione di corsi di specializzazione su sostegno per tutti gli ordini di scuola in numero adeguato al fabbisogno.

"Stiamo rappresentando i problemi delle scuole siciliane, lottiamo contro l'autonomia differenziata - dice Grazia Maria Pistorino, segretaria generale FLC CGIL Sicilia - Lotteremo per dare maggiori organici in questo territorio, organici stabili e certi, posti di diritto per gli insegnanti di sostegno, oggi ancora precari. Abbiamo veramente delle richieste importanti".

Nell'intervista GraziaMaria Pistorino, segretaria generale FLC CGIL Sicilia, Francesca Bellia, segretario regionale Cisl scuola Sicilia, e Claudio Parasporo di Uil Scuola della Sicilia.

© Riproduzione riservata

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X