stampa
Dimensione testo

Tragedia di Casteldaccia, il sindaco: "Procura sapeva del ricorso, non ho soldi per le demolizioni"

«La Procura di Termini Imerese era informata del procedimento in corso davanti al Tar. Chiese informazioni agli uffici del Comune sulla vicenda perché avevano aperto un fascicolo per abusivismo edilizio e volevano sapere a che punto fosse la demolizione e se la casa era sanabile. L'Ufficio tecnico rispose che tutto pendeva davanti al tribunale amministrativo».

Lo racconta Giovanni Di Giacinto, sindaco di Casteldaccia che, fin dal 2011, avrebbe dovuto abbattere la villetta abusiva invasa dalla piena del fiume Milicia che ha ucciso nove persone sabato sera. Ieri Di Giacinto aveva accusato di inerzia il Tar che stamattina ha reso noto che il ricorso contro la demolizione disposta dal Comune si era estinto nel 2011 e che quindi nulla impediva al sindaco di abbattere l’immobile dal momento che non c'era stata nemmeno una sospensiva del provvedimento. «Ho chiesto tramite pec al Tar la sentenza che dichiara estinto il ricorso dei proprietari per mancata richiesta di fissazione dell’udienza - spiega - E’ vero che noi non ci siamo costituiti in giudizio come Comune e questo perché non avevamo soldi per le spese legali».

«Non sapevo che la legge - prosegue - non prevede che la decadenza del ricorso non sia comunicata all’amministrazione comunale che è parte se non si costituisce in giudizio. Credo sia una follia legislativa, ma è così. Quindi io non ho mai saputo cosa fosse accaduto del ricorso».

"Stiamo verificando per capire cosa sia successo e di chi siano le responsabilità. Verificheremo tutti gli edifici da abbattere e chiederò un finanziamento o allo Stato o alla Regione perchè questi immobili siano immediatamente abbattuti", dice Di Giacinto.

 «Lo Stato o la Regione mi aiutino. Io non ho i soldi per le demolizioni. Il Comune è in dissesto economico dal 2015: posso solo compiere atti di ordinaria amministrazione e abbattere una costruzione abusiva costa mediamente 60mila euro. Ne abbiamo una trentina da buttare giù, come faccio?», dice il sindaco. Ieri la Procura di Termini Imerese ha aperto un procedimento penale, ipotizzando i reati di disastro colposo e omicidio colposo.

© Riproduzione riservata

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X