Il sottosegretario Gaetti a Palermo: "Modello Sicilia per tutelare testimoni di giustizia"

«Intendiamo seguire il modello della Regione siciliana per tutelare sotto il profilo lavorativo i testimoni di giustizia. Abbiamo ragionato sulla legge regionale 22 del 2014 che dà la possibilità di trovare un lavoro nella pubblica amministrazione a queste persone che hanno un vissuto difficile, complesso e che vanno sostenute». Lo ha detto
nel pomeriggio, in prefettura, a Palermo, il sottosegretario all’Interno Luigi Gaetti, che oggi ha incontrato otto testimoni
di giustizia.

«E' stata una interessante giornata di studio, un incontro tecnico perché abbiamo sentito anche i funzionari che si
occupano dei nuclei operativi di protezione e i funzionari regionali, abbiamo approfondito le nostre conoscenze e abbiamo
verificato ed evidenziato lo stato e le criticità in cui vivono i testimoni di giustizia, le loro aspirazioni, le loro
difficoltà. Per me è stato un momento molto emozionante nel sentire - ha aggiunto Gaetti - il racconto delle loro vite.
Questa giornata ci sarà utile per scrivere i decreti attuativi sui testimoni di giustizia che ci devono permettere di transitare dalla vecchia alla nuova legge».

«La lotta alla mafia è un elemento chiave per il nostro governo, stiamo procedendo con il potenziamento sostanzioso del numero delle forze dell’ordine e con numerose altre iniziative inserite nel decreto sicurezza in discussione, ma non voglio anticipare nulla proprio perché ne parleremo domani».

© Riproduzione riservata

PERSONE:

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X