Niente funerali pubblici per Provenzano, Lorefice: scelta da rispettare, ma il giudizio spetta a Dio

PALERMO. Un minuto di silenzio è stato osservato al Palazzo Arcivescovile di Palermo in memoria di tutte le vittime delle mafie, delle guerre e delle violenze nel corso dell'incontro voluto dall'arcivescovo di Palermo Corrado Lorefice con i rappresentanti delle comunità religiose della città in occasione del 392esimo Festino di Santa Rosalia.

All'incontro era presente anche il sindaco di Palermo Leoluca Orlando.

Oggi a Palermo si celebra la tradizionale festa pagana dedicata alla santa patrona della città, domani quella religiosa.

"E' chiaro: non possiamo che esprimere assolutamente una condanna, ma il giudizio spetta a Dio. La scelta di impedire i funerali pubblici per Provenzano va rispettata. Non posso che dire questo, per la mia sensibilità e per il mio compito di pastore, ma l'ultima parola spetta a Dio". Lo ha detto l'arcivescovo di Palermo Corrado Lorefice a margine di un incontro interreligioso nel Palazzo Arcivescovile di Palermo.

"Gli uomini fanno delle scelte e delle scelte sono state fatte, ma il giudizio spetta a Dio - ha aggiunto - ed è un giudizio che resta avvolto da un mistero che non possiamo che rispettare". L'arcivescovo ha quindi affermato: "oggi arriva un messaggio chiaro: costruire il bene della città significa partire dalla legalità e da un cuore integro".

"A noi uomini deve essere chiara la condanna di tutto quello che non permette l'espressione della dignità e della verità - ha continuato - e che ogni potere subdolo, qualunque esso sia, in questo caso la mafia, che è sempre un attentato alla libertà degli uomini, è un attentato alla convivenza degli uomini nella libertà e nel bene".

Nell'intervista Lorefice parla della cerimonia interreligiosa a Palermo.
Immagini di Marcella Chirchio

© Riproduzione riservata

PERSONE:

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X