stampa
Dimensione testo

Cultura

Home Foto Cultura Musicultura, premiati dal pubblico i cantautori palermitani Vito e Ponente

Musicultura, premiati dal pubblico i cantautori palermitani Vito e Ponente

Alle Audizioni Live di Musicultura, i cantautori Vito e Ponente di Palermo hanno conquistato l’ambita Targa Banca Macerata, il premio assegnato dal pubblico in base all’esito del voto in teatro e di quello collegato in diretta streaming. I due artisti hanno conquistato il pubblico del Teatro Lauro Rossi di Macerata.

Vito, 22 anni, ha presentato al Festival i brani Quanto costa l’amore e Apocalisse, canzoni d’amore appassionate e schiette che vanno dritte al cuore. Vito canta da quando aveva 9 anni, a 13 anni entra nel cast dello show Ti Lascio Una Canzone su Rai Uno e condivide il palco con i Pooh, Riccardo Fogli, i Nomadi, Amii Stewart. «È stata un’esperienza bellissima ma anche molto forte, ero solo un bambino, sentivo addosso molte pressioni», ha raccontato Vito che dal 2017 suona il pianoforte, scrive e compone canzoni. Il suo nuovo singolo Quanto costa l’amore anticipa un Ep di prossima uscita.

Ponente è il nome d’arte e il cognome di Alessandra, cantante molto nota a Palermo. Nella sua coinvolgente esibizione ha proposto Nuvoli bianchi e Abballo, brani pensati e scritti in un palermitano contemporaneo, a tratti arcaico ed accademico, nel rispetto della tradizione popolare del canto siciliano. Nel 2013 Ponente è nel trio Le Morgane, fonda poi i Teresa e il duo Ponente-Seggio e nel 2016 entra nella compagnia teatrale S’Kalsa con cui sperimenta teatro folk popolare e contemporaneo. Collabora con Maurizio Bologna & Folk Band e con Gaetano Mirabella, appare sul grande schermo con i registi Vigore, Pif e Ficarra e Picone. Durante il primo lockdown dà vita al suo primo Ep Riavuli, una battaglia contro i demoni interiori.

Ultimato l’ascolto dei 61 artisti convocati alle audizioni live si attende ora la comunicazione della direzione artistica di Musicultura dei 16 finalisti che accedono alla fase successiva del concorso.

© Riproduzione riservata

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X