stampa
Dimensione testo

Cultura

Home Foto Cultura Palermo, al Biondo La pazza di Chaillot nell'adattamento di Letizia Russo

Palermo, al Biondo La pazza di Chaillot nell'adattamento di Letizia Russo

Una commedia ambientalista, poetica e surreale: La pazza di Chaillot di Jean Giraudoux, nell’adattamento di Letizia Russo, per la regia di Franco Però, è la nuova produzione del Teatro Stabile del Friuli Venezia Giulia - realizzata in collaborazione col Teatro di Napoli - che debutterà martedì 8 marzo, alle ore 21, al Teatro Biondo di Palermo.

Temi attuali in un allestimento di notevole impegno con Manuela Mandracchia protagonista nel ruolo di Aurelie, insieme a Giovanni Crippa nel ruolo del Cenciaiolo e a Giulio Cancelli (il Prospettore), Evelyn Famà (Constance), Emanuele Fortunati (Pierre), Ester Galazzi (Gabrielle), Mauro Malinverno (il Barone), Riccardo Maranzana (lo Speculatore/la Guardia), Francesco Migliaccio (il Presidente), Jacopo Morra (il Sordomuto/Jadin/il Fognaiolo), Zoe Pernici (Irma), Miriam Podgornik (la Fioraia/la Piccola risparmiatrice/la Salvatrice), Davide Rossi (Martial). Le scene sono di Domenico Franchi, i costumi di Andrea Viotti e le musiche di Antonio Di Pofi. Repliche fino al 13 marzo.

La pazza di Chaillot è una donna un po’ stravagante e un po’ fuori dal mondo, ma amata da tutte le persone umili del suo quartiere: quando intuisce che un gruppo di cinici industriali e finanzieri hanno scoperto immensi giacimenti di petrolio nel sottosuolo e intendono distruggere la città per riuscire a sfruttarli, non può esimersi dall’intervenire. Convoca allora altre amiche - come lei al limite fra normalità e follia - e assieme ad un gruppo di personaggi poetici, borderline, ma ricchi di passione e verità, decide di sequestrare e giustiziare quegli uomini aridi e avventurieri.
«Jean Giraudoux - commenta il regista Franco Però - nel 1943, durante l’occupazione tedesca, scrive, quasi a premonizione dei tempi a venire, questa folle, ecologica, politica, poetica ed ingenua commedia fantastica; ne La folle de Chaillot c'è tanta consapevolezza della direzione che avrebbero preso le nostre società».

© Riproduzione riservata

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X