stampa
Dimensione testo

Cultura

Home Foto Cultura E se padre Puglisi fosse ancora vivo? Nuova serie racconta il lato inedito del Beato

E se padre Puglisi fosse ancora vivo? Nuova serie racconta il lato inedito del Beato

Terminate le riprese delle mini-serie tutta palermitana sulla vita del Beato Padre Pino Puglisi, con la regia di Paolo Brancati e la co-produzione del Centro Accoglienza Padre Nostro ETS di Brancaccio.

“The Smile of 3P” - e se Padre Puglisi fosse ancora in vita?” è il titolo della nuova mini-serie, lavoro che da fine agosto sarà in onda sul web.

La serie è prodotta dalla SEVEN Comunication Production in collaborazione con il Centro Accoglienza Padre Nostro ETS , la SACT- Scuola d’arte per il cinema e il teatro con il Patrocinio del Comune di Palermo, del Comune di Godrano e l’Arcidiocesi di Monreale.

“The Smile of 3P” racconta la vita del Beato Padre Puglisi, un aspetto inedito della figura del parroco del quartiere Brancaccio. La mini serie, infatti, punta a raccontare l’aspetto dell’uomo, gli eventi più intimi, il quotidiano, gli squarci di vita raccontanti dalle persone che hanno fatto parte della sua vita: i familiari, gli amici e i volontari del Centro Padre Nostro.

Dall’infanzia, all’adolescenza, la chiamata alla vocazione, gli affetti dei suoi familiari, la vita quotidiana in famiglia, il rapporto amorevole con i genitori fino al giorno al giorno in cui decise di prendere i voti e diventare umile strumento di Dio. La serie è liberamente tratto dal libro di Fulvio Scaglione “Padre Pino Puglisi-martire della mafia per la prima volta raccontato dai familiari” .

La regia è a firma di Paolo Brancati, registra e attore palermitano. “Nella mia serie ho voluto raccontare gli aspetti esclusivi della vita del Beato, attraverso i racconti di coloro che sono sempre stati al suo fianco: i famigliari”. “In particolare, dice Brancati, voglio ringraziare il fratello di Padre Puglisi, Franco Puglisi, che grazie alla sua testimonianza è stato possibile ricostruire la vita reale dell’uomo speciale che è stato Pino.

Le scene della miniserie sono state girate nei luoghi in cui si è svolta la vita del Beato nel quartiere Brancaccio, dove si trova la Casa Museo, luogo in cui Padre Puglisi ha vissuto con i genitori anziani focus dell’intera narrazione.

Nella Casa Museo, arredata con la mobilia originale, si respira ancora oggi, la serenità di un luogo intimo ed è quasi realistico immaginare Padre Puglisi che accoglie i fedeli, amici, parenti o chi ne chiedeva udienza. “ Nella serie The Smile of 3P, dice Brancati, ho fortemente voluto raccontare “uomo” Pino Puglisi, la vita, le amicizie e l’amore per la sua famiglia. Nella mini-serie l’uomo Pino è al centro della sceneggiatura, mentre, l’argomento mafia avrà un ruolo marginale”.

Nel libro, come nella serie, i familiari parlano della giovinezza, della vocazione e l’impegno per i ragazzi. Un altro aspetto che collega il libro, di Fulvio Scaglione, con la serie è il rapporto con la madre e i fratelli, dalla delicata funzione di supporto ai nipoti e le feste in famiglia”.

Mentre, lo scenario che ruotava intorno alla vita da prete spesso, lo mettevano a dura prova con gli scontri giornalieri con la violenza tra faide, il rapporto dialettico con le istituzioni, la fondazione del Centro di Accoglienza Padre Nostro e in fine, la tragica violenza che l’uomo Pino Puglisi accoglie con il suo caratteristico “sorriso” .

Un cast d’eccezione, tutto siciliano, quello della miniserie “The Smile of 3P”- e se Padre Puglisi fosse ancora in vita?”: Cesare Biondolillo, Orio Scaduto, Ernesto Maria Ponte, Giuditta Perriera, Gino Carista, Enrico Gippetto, Giovanni D’Aleo, Pietro Daddi e tanti altri attori del panorama siciliano. Le musiche saranno curate da Filippo Ragusa e la sceneggiatura è a firma di Giuseppe Tarantino.

Tra gli attori siciliani che hanno collaborato per la realizzazione della miniserie: Roberto Pepoli, Enzo Buffa, Giorgio Pitarresi, Stanislao La Porta, Giuseppe Artale, Carlo d’Aubert, Massimo Marotta, Anna Graziano, Enzo Carnese, Gabriele Arena, Irene Enea e Deborah Ragusa.

La direzione della fotografia è stata curata da Francesco Baiamonte e Giovanni Trippodo, le riprese e il montaggio sono di Pietro Trippodo, l’organizzazione infine è stata affidata alla T.F.Corporation di Ninni Tartaglia.

© Riproduzione riservata

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X