stampa
Dimensione testo

Cultura

Home Foto Cultura Caccia al tesoro e musica: una notte al Teatro Massimo di Palermo per 90 bambini - Foto

Caccia al tesoro e musica: una notte al Teatro Massimo di Palermo per 90 bambini - Foto

PALERMO. Una notte in campeggio al Teatro Massimo per giocare, divertirsi con la caccia al tesoro, dormire dentro le tende e svegliarsi a suon di musica. Novanta bambini tra gli 8 e gli 11 anni hanno dormito la scorsa notte nelle sale del teatro, coinvolti in una serie di iniziative guidate dal Gruppo Scout Palermo 11.

Ieri sera sono stati accolti nel foyer dal cartone animato d’autore Snowman, poi hanno montato le tende, poi hanno cenato negli spazi della biglietteria con i panini offerti da Galloway. Dopo la cena, hanno posato emozionati sulla scalinata con il sindaco e presidente della Fondazione, Leoluca Orlando e con il sovrintendente Francesco Giambrone. Qui si è svolta la cerimonia dell’ammainabandiera al suono della tromba suonata da uno scout, poi tutti a dormire. Ma solo per scherzo. Perché mezz’ora dopo sono stati svegliati ed è cominciata la caccia al tesoro, con le torce in mano, nel teatro dove aleggia la leggenda del fantasma di una monaca inquieta che si aggira tra sale e palchi. A mezzanotte davvero tutti in tenda a dormire.

Stamattina i bambini hanno realizzato una bandiera che è stata issata davanti al Teatro nella cerimonia dell’alzabandiera, poi alle 11.30 hanno partecipato al concerto “I colori della musica”, durante il quale sono state eseguite due messe, una africana e una latino americana: la Missa Luba ricca di canti popolari e improvvisazioni, guidata dal griot senegalese solista  Badara Seck, insieme al Coro di voci bianche; e la Missa Criolla per Coro e Coro di voci bianche caratterizzata dall'uso di ritmi tradizionali della musica argentina. “La nostra ferma volontà di aprire il teatro al territorio – dice Orlando – si incarna nelle facce felici di questi bambini della città che si appropriano del teatro. Questo è un teatro aperto”. Per il sovrintendente Francesco Giambrone, “è una grande gioia vedere il teatro abitato dai bambini che, con i pigiamini, gli spazzolini e le tende da campeggio, dormono qui. Questo teatro è il teatro di tutti”.

© Riproduzione riservata

TAG: ,

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X