stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Foto Cronaca Rifiuti a Palermo: una discarica a due passi dagli ospedali Civico e Policlinico

Rifiuti a Palermo: una discarica a due passi dagli ospedali Civico e Policlinico

di

Continua l’invasione di rifiuti in città, con alcune strade diventate vere e proprie discariche.

Fra queste c'è via Lodato, all'angolo con via Monfenera, a pochissima distanza dall’ospedale Civico e dal Policlinico: una situazione disastrosa con i cassonetti colmi e i rifiuti tutti intorno per terra.

Ma non è finita qui, infatti a qualche metro di distanza dai contenitori dei rifiuti, collegati da una scia di sacchetti, bottiglie di plastica, erbacce, vetro, cartacce, un vecchio condizionatore e un tavolino di plastica, è possibile trovare dei materassi e altri ingombranti: una situazione insostenibile per gli abitanti del quartiere che chiedono quanto prima una pulizia e una bonifica dell’area.

Insostenibile è diventata anche la situazione segnalata da Aldo Pinu, che ha scritto a redazioneweb@gds.it: ci troviamo in piazza Leonardo Sciascia, a pochi passi da piazza Campolo, e i residenti, da alcuni giorni, segnalano cumuli di spazzatura lungo i marciapiedi perimetrali della villetta, dove spesso giocano anche i bambini.

Anche qui, i pedoni e le mamme con i passeggini sono costretti a dei veri e propri zig zag o, talvolta, a scendere dal marciapiede, per evitare i sacchi pieni di immondizia e i vari rifiuti che o fuoriescono da questi o sono stati abbandonati lì, invadendo anche le aiuole.

Dalla Rap, la società partecipata che si occupa della raccolta dei rifiuti, fanno sapere che gli interventi sono stati già previsti e avverranno al più presto, nonostante il personale dell’azienda di piazzetta Cairoli sia ridotto all’osso e i lavoratori da mesi siano costretti a doppi turni e itinerari per garantire la raccolta di rifiuti e ingombranti. Nel caso di piazza Sciascia, inoltre, la Rap segnala che si tratta di una zona servita dal porta a porta, l'abbandono dei rifiuti in strada è dunque ancor più grave.

© Riproduzione riservata

TAG:

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X