stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Foto Cronaca Premio Puglisi, l'Arcidiocesi di Palermo dona 5 mila euro per un ospedale in Congo

Premio Puglisi, l'Arcidiocesi di Palermo dona 5 mila euro per un ospedale in Congo

Si è conclusa ieri  la sedicesima edizione del premio Internazionale Beato Padre Pino Puglisi, dedicato al dialogo tra i popoli e alla collaborazione internazionale, nel particolare ricordo dell’Ambasciatore italiano Luca Attanasio e del Carabiniere Vittorio Iacovacci, uccisi in Congo il 10 maggio scorso.

L’iniziativa è stata promossa dall’Arcidiocesi di Palermo in collaborazione con l’associazione “Giovani 2017 3P Onlus” con la direziona artistica di Francesco Panasci e la produzione di Panastudio.

Anche questa edizione ha visto salire sul palco sette personalità che si sono distinte ognuno nel proprio ambito per umanità, per scopi sociali e per il “bene comune”.

Il “Premio Internazionale Beato Padre Pino Puglisi è riuscito nell’intento anche in questa nuova missione a sensibilizzare al dialogo, alla collaborazione tra gli esseri umani, ai giovani e al loro futuro, prendendo esempio dal Beato Giuseppe Puglisi, ucciso dalla mafia il 15 settembre del 1993.

Il sipario si è aperto con l’esecuzione dell’Inno di Mameli della Fanfara del 12° reggimento Carabinieri Sicilia diretta dal Maestro Luogotenente Paolo Sena.

L’intensa e articolata serata è stata presentata magistralmente dal vice direttore della TGR RAI Roberto Gueli con la collaborazione di Antonella Rizzuto nella splendida cornice del Teatro Politeama di Palermo.

Sette i premiati scelti fra quanti si sono spesi a favore dei più deboli in attività sociali e di beneficenza: il carabiniere Luigi Busà, medaglia d’oro ai Giochi Olimpici di Tokyo, Sigfrido Ranucci, giornalista e conduttore della trasmissione “Report” su RAI 3, Giuseppe Bungaro, Alfiere della Repubblica, Cristina Cattaneo, ordinaria presso l’Università degli Studi di Milano, Benedetto La Motta, medico chirurgo, Furaha Nzirirane, operatrice del Centro Orientamento e Tutorato dell’Ateneo di Palermo e Tiziana Ronzio, fondatrice dell’Associazione Tor più Bella, selezionati dalla giuria del Premio, presieduta dall’Arcivescovo metropolita di Palermo, Monsignor Corrado Lorefice, è composta da Vincenzo Bagarello, Don Antonio Garau, Ignazio Garsia, Gemma Ocello, Francesco Panasci e Roberto Gueli.

Presenti tra gli ospiti della serata anche  Pietro Sebastiani, Ambasciatore d’Italia presso la Santa Sede, il sindaco di Palermo Leoluca Orlando, il vice presidente della Regione Siciliana Gaetano Armao, il Generale di Divisione Giuseppe Governale, il vice questore Squilaci,   Raoul Russo dell’Assessorato Regionale al Turismo e autorità civili, militari e religiose di ogni grado.

L’Arcivescovo di Palermo nel ringraziare l’organizzazione ha poi consegnato al missionario Rino Martinez, messaggero di pace Unicef, già insignito del Premio Puglisi, che prosegue il suo impegno a favore delle popolazioni africane, una raccolta fondi per euro 5.000 per la nuova missione in Congo, ovvero la costruzione di un ospedale (intervento video di Mons. Lorefice) .

Sul palco sono intervenuti, tra gli altri, anche l’Ambasciatore d’Italia presso la Santa Sede  Sebastiani e il Generale di Divisione Giuseppe Governale.

La serata è stata arricchita dalle performance di tantissimi artisti: la Sand Artist Stefania Bruno, la vocalist Daria Biancardi, il cantautore e missionario Rino Martinez, gli alunni del Liceo Coreutico Regina Margherita, con Alessandra Ponente (voce) e dalla Folk band, con la coreografia di Laura Miraglia e di Giovanna Velardi, la regia di Giusi Cataldo e dalla costumista Dora Argento.

Un’importante condivisione del progetto Puglisi arriva grazie anche ai contributi culturali e di speranza di Don Maurizio Francoforte della Parrocchia San Gaetano e del Centro Padre Nostro con Maurizio Artale.

© Riproduzione riservata

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X