stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Foto Cronaca Palermo, Questura e Università insieme contro la violenza sulle donne

Palermo, Questura e Università insieme contro la violenza sulle donne

Questa mattina presso la facoltà di Economia, del Campus Universitario di viale delle Scienze, a Palermo, in occasione della Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne, si è svolta l’iniziativa “Una sciarpa rossa, no alla violenza sulle donne”, conferenza organizzata dall’ateneo palermitano e dalla Questura di Palermo.

Contestualmente, la postazione mobile della Polizia di Stato, il Camper della campagna di sensibilizzazione “Questo non è amore”, con all’interno un’équipe di operatori specializzati della Questura ha stazionato nello spazio prospiciente la facoltà di Economia, offrendo a studenti e a chiunque ne sentisse necessità, la possibilità di confrontarsi, anche in modo riservato, con i componenti dell’equipe multidisciplinare e segnalare eventuali situazioni di disagio o episodi di violenza di cui fossero stati testimoni o vittime.

Alla conferenza tenutasi nell’aula universitaria è intervenuto anche il Questore della Provincia di Palermo, Leopoldo Laricchia, che ha tenuto a sottolineare l’instancabile impegno della Polizia di Stato in relazione, anche, alle linee di intervento su reati come stalking e maltrattamenti; le misure di prevenzione come “l’ammonimento del Questore”; e l’attenzione delle Forze di Polizia nei confronti dell’uomo maltrattante.

La Polizia di Stato si è costantemente impegnata sul delicato e sempre attuale tema della prevenzione al fenomeno del femminicidio e, più in generale, della violenza sulle donne, ed elementi tangibili di tale impegno e di come esso venga da lontano sono: il progetto camper “Questo non è amore” che, partito a luglio del 2016, in questi anni ha consentito di contattare decine di migliaia di persone, in maggioranza donne, diffondendo informazioni sugli strumenti di tutela e intervenendo su situazioni di violenza e stalking che diversamente sarebbero potute rimanere ingabbiate nel dolore domestico; l’apertura in tempi non sospetti (1999) di una apposita sezione all’interno della Squadra Mobile, l’esistenza di un protocollo, denominato “Eva”, check list che guida il poliziotto durante l’intervento e la predisposizione, in ogni Commissariato, anche di Provincia, di uno spazio “neutro” ove ogni donna vittima di violenza può trovare poliziotti specializzati ad ascoltarla.

A tal proposito, è in corso di allestimento un’altra stanza dedicata all’accoglienza delle vittime vulnerabili che, prossimamente, verrà inaugurata all’interno del Commissariato P.S. di “Cefalù”. L’applicativo Interforze “Scudo”, che consente, di avere a disposizione tutte le informazioni utili sui precedenti interventi effettuati presso il medesimo indirizzo e di calibrare così nel modo migliore l’attività operativa; “La Stanza di Aurora”, inaugurata all’interno della Questura, nei locali della Divisione Anticrimine, nel giorno di San Valentino dello scorso anno, uno spazio riservato, in cui lavorerà personale qualificato appositamente dedicato all’ascolto di donne, anziani e minori vittime di violenza ed in generale rivolto alla categoria delle persone vulnerabili; ed infine “La Stanza Rosa” inaugurata in seno al Commissariato di P.S. “Oreto-stazione”, un apposito spazio riservato, distante dalla zona “operativa” dell’ufficio di polizia dove si è ritenuto di riprodurre un ambiente protetto ove possano essere ascoltate vittime e testimoni di reati, rientranti a vario titolo nella categoria delle cosiddette “fasce deboli”.

Questi ambienti dedicati, i progetti su strada e nelle scuole, gli interventi degli agenti e la loro capacità di dialogo, uniti agli strumenti giuridici che la legge ha messo a disposizione dell’autorità giudiziaria e delle forze di polizia, ha consentito di fare un ulteriore ed indispensabile e passo in avanti per offrire un aiuto immediato ed un ascolto concreto nei casi di violenza di genere.

Il camper del progetto “Questo non è Amore”, con l’équipe multidisciplinare, sarà presente domani 26 novembre a partire dalle ore 9 presso il liceo Scientifico D’Alessandro di Bagheria, il 29 novembre a partire dalle ore 9 presso l’Istituto comprensivo statale Calderone Carini Torretta; il 3 dicembre a partire dalle ore 9, presso l’Istituto comprensivo statale Mantegna-Bonanno di Boccadifalco.

© Riproduzione riservata

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X