Rifiuti: le foto dal centro storico di Palermo. Le imprese attaccano: "Un danno per gli affari"

L’abbandono selvaggio dei rifiuti per le strade di Palermo non ha pause. Cumuli di immondizia anche questa mattina nel centro storico, come è possibile vedere dalle foto, nella zona in cui è stato avviato recentemente il servizio di raccolta porta a porta.

Intanto, come si legge sul Giornale di Sicilia in edicola, le organizzazioni di categoria e le associazioni datoriali riunite in coordinamento chiedono all’amministrazione comunale più impegno. Ieri hanno scritto al sindaco e all’amministratore unico della Rap, Giuseppe Norata per un incontro urgente in merito alla «grave situazione in cui versa il sistema di raccolta dei rifiuti in città e per discutere delle ormai inaccettabili criticità inerenti il mal gestito e in alcuni casi il mancato ritiro dei rifiuti urbani che incidono sul regolare e decoroso svolgimento delle attività delle aziende che rappresentiamo e che devono fare i conti con i disservizi che danneggiano, tra l’altro, l’immagine dell’intera città».

Si tratta sempre delle 15 sigle che fanno parte del Coordinamento istituito qualche mese fa per affrontare alcuni temi cruciali dello sviluppo in città.

Sul fronte ingombranti, invece, nei primi 11 giorni di gennaio in totale ne sono stati raccolti 12.200. Di questi 617 con il servizio di prelevamento a domicilio, 2.969 dalle strade e 6.479 nelle postazioni mobili. Sembrerebbe dunque, che sia in aumento l'utilizzo da parte dei cittadini delle isole ecologiche presenti in ogni circoscrizione. Tante le segnalazioni arrivate ieri mattina alla chat di whatsapp della trasmissione di Rgs Ditelo in diretta, al numero 3358783600.

Dalla Rap spiegano che il prelievo degli ingombranti ha registrato una notevole crescita. Rispetto al 2017, anno in cui sono stati raccolti 263.481 pezzi, nel 2018 sono stati rimossi più del doppio degli ingombranti cioè 558.643. Di questi 57.237 con il servizio a domicilio, 243.374 dalle postazioni mobili e oltre 258 mila dalle strade.

© Riproduzione riservata

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X