stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Foto Cronaca Estorsioni al titolare di una rosticceria, 4 condanne - Nomi e foto

Estorsioni al titolare di una rosticceria, 4 condanne - Nomi e foto

PALERMO. Il gup Maria Pino ha condannato quattro persone con l’accusa di aver taglieggiato un commerciante che aveva deciso di aprire il suo locale a pochi passi dall’ospedale Civico, in pieno mandamento di Pagliarelli, e con l’aggravante di aver favorito la mafia.

Come si legge sul Giornale di Sicilia in edicola, la pena più alta, dieci anni ed otto mesi di reclusione, è andata a Vincenzo Giudice, ritenuto capo della famiglia del Villaggio Santa Rosalia. Condannato a nove anni e quattro mesi di carcere Eugenio Donato, e a sette anni e quattro mesi ciascuno Piero Oriti Misterio ed Attilio Di Stefano. I primi due rispondevano anche di rapina aggravata dall’aver agevolato Cosa nostra perchè avrebbero preso a calci, pugni e colpi di casco Di Stefano, rubandogli un borsello con dei documenti e tre assegni, perché – secondo la Procura – avrebbe chiesto il pizzo all’imprenditore senza autorizzazione.

DAL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA. PER LEGGERE TUTTO ACQUISTA IL QUOTIDIANO O SCARICA LA VERSIONE DIGITALE  

© Riproduzione riservata

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X