Spacciavano a Falsomiele, Capo e Ballarò: 3 arresti a Palermo

PALERMO. Utilizzava un box a Falsomiere per conservare l'eroina che poi spacciava. A scoprirlo i carabinieri di Villagrazia di Palermo che hanno arrestato Roberto La Mattina, di 28 anni, con l'accusa di detenzione e spaccio di sostanza stupefacente.

I militari hanno notato La Mattina in sella ad uno scooter Honda SH 300, che girovagava con fare sospetto per le vie del quartiere. Il ragazzo andava e veniva da un’autorimessa in condominio di via del Bassotto. I carabinieri hanno seguito il giovane che si dirigeva verso il piano interrato. Qui hanno trovato lo scooter del ragazzo davanti a un box, così lo hanno bloccato mentre usciva dal locale.

La Mattina nella mano destra teneva un involucro in cellophane trasparente, chiuso con nastro adesivo isolante che conteneva eroina. A seguito di perquisizione è stata trovata eroina per un valore 2.030 euro.

A seguito del rito direttissimo dopo la convalida dell’arresto La Mattina è stato sottoposto alla misura cautelare dell’obbligo di presentazione nella caserma dei carabinieri di Villagrazia a Palermo, per tre volte alla settimana ed e stato rimesso in libertà.

In altre due operazioni i militari hanno arrestato altri due pusher nei quartieri Capo e Ballarò. I militari del Nucleo Operativo della Compagnia Piazza Verdi, hanno sorpreso, in via Carrettieri, Mirko Amatuzzo di 21 anni. Il giovane pusher era stato notato mentre girava nel quartiere Capo con fare guardingo. I carabinieri lo hanno bloccato e trovato in possesso di 23 grammi di marijuana, già suddivisa in 19 dosi e della somma contante di 55 euro. Amatuzzo è stato giudicato con rito direttissimo con la convalida degli arresti domiciliari.

Nel quartiere a Ballarò i carabinieri hanno arrestato Cristian Lo Monaco, di 25 anni. Il ragazzo è stato sorpreso a cedere una dose di hashish, per un peso complessivo di grammi 1,1 a un 43enne di Villabate a sua volta segnalato alla locale Prefettura quale assuntore di sostanze stupefacenti per scopo non terapeutico.

I militari hanno perquisito Lo Monaco che aveva addosso altri 3 grammi di marijuana, 17 di hashish e 208,50 euro. Il ragazzo è stato giudicato con rito direttissimo che ha stabilito la misura cautelare dell’obbligo di presentazione in Caserma a Palermo ed è stato rimesso in libertà.

© Riproduzione riservata

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X