stampa
Dimensione testo
I VINCITORI

Maratona di Palermo, trionfo del Kenya: al traguardo Rotich e Chepngetich

La XXV Maratona di Palermo si chiude con la vittoria del Kenya. Kenneth Rotich, tra gli uomini, e la connazionale Gladys Chepngetich tagliano per primi il nastro del traguardo.

La gara maschile è stata caratterizzata dal duello casalingo Rotich – Korir con il primo che dopo 31 chilometri ha rotto gli indugi cominciando quella corsa solitaria che l’avrebbe portato al traguardo con l’ottimo tempo di 2h14’21 (personal best per il keniano). Alla sua seconda maratona (la prima è stata ad Eldoret) in altura il Keniano Rotich ha dimostrato classe e potenza. A poco più di due minuti di distanza il connazionale Korir con il tempo di 2h16’38. Terzo, nettamente staccato lo slovacco Michalec Tomas.

Filippo Lo Piccolo è stato il primo degli italiani in 2h44’59 e che aveva già vinto a Palermo nel 2015. Tutto facile nella gara femminile con l’arrivo in solitaria per Gladys Chepngetich che ha chiuso la sua fatica 2h51’27. Secondo posto per l’americana Grace Jenkins dell’Oklaoma in 3h18’11. Terza prima delle italiane, l’altofontina Maria la Barbera in 3h20’27. Grande gioia per l’atleta tesserata per la Trinacria Palermo gara perfetta e finale tra sorrisi e lacrime.

Firma straniera anche nella mezza maratona con la vittoria del belga Paul Romain, in 1h10’08 che ha battuto un pimpante Mohamed Idrissi (Mega Hobby Sport) staccato di 43 secondi. Terzo l’agrigentino Domenico Conti (Universitas Palermo) in 1h18’21. Tricolore sul podio della mezza con un'altra altofontina doc che risponde al nome di Silvia La Barbera (Caivano Runners) che ha chiuso in surplace con un “comodo” 1h27’41. Alle sue spalle Annalisa Di Carlo (Mega Hobby Sport) in 1h28’53. Terza Rosaria Patti (Trinacria Palermo) in 1h31’38.

Momento emozionante per l’arrivo di Vito Massimo Catania, Cavaliere della Repubblica, che ha corso la maratona spingendo la carrozzina di Giusi La Loggia affetta da atassia, notevole anche il tempo finale di 3h30’. In gara anche l’atleta ipovedente Roberto Caronia per lui 21,097 chilometri ed infiniti applausi. All’interno della kermesse si è svolto anche il Trofeo Giuseppe Battaglia e Maurizio Fragale, colleghi scomparsi prematuramente: a vincere la gara nella gara è stato Giovanni Lo Giudice.

La maratona di quest'anno è stata dunque contrassegnata da un boom di stranieri con 40 nazioni rappresentate. Ad aprire la Maratona di Palermo è stato il passaggio simbolico della Fiaccola della Pace, momento fuori programma legato alla Peace Run evento sportivo non competitivo, che ogni anno coinvolge più di 100 nazioni e che questa settimana ha interessato Palermo e i suoi quartieri, con iniziative di pace in ambito culturale, educativo, sportivo e sociale.

A seguire la partenza della maratona si è tenuta la “Camminata del Sorriso” promossa dall’associazione Fasted Palermo Onlus (Associazione Thalassemici Ospedale dei Bambini di Palermo) la passeggiata ludico-motoria di tre chilometri, per sensibilizzare l’opinione pubblica sul tema della talassemia. I primi due bimbi a tagliare il traguardo sono stati  Mattia Camarda e Greta Costa. Una maratona di Palermo quest’anno più che mai internazionale, Francia, Germania, Olanda, Sud africa Belgio, Stati Uniti, un successo per gli organizzatori, volontari e addetti ai lavori che con la maratona lavorano tutto l’anno

© Riproduzione riservata

TAG:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X