stampa
Dimensione testo

Sport

Home Sport "Nessuna partita di tennis truccata", scagionato il palermitano Cecchinato
ARCHIVIAZIONE

"Nessuna partita di tennis truccata", scagionato il palermitano Cecchinato

L’associazione per delinquere non è stata provata e il delitto di scommesse in competizioni sportive non può essere perseguito, visto che sarebbe stato commesso all’'estero, per difetto della giurisdizione della magistratura italiana. E’ questa la ragione dell’archiviazione chiesta e ottenuta dalla Procura di Palermo nei confronti di Marco Cecchinato, il campione di tennis siciliano finito in un’inchiesta, nel 2016, per le presunte combine di tre match giocati, appunto, in Paesi stranieri. Il pm Dario Scaletta e il gip Fabio Pilato, che ha accolto le tesi della stessa accusa, non hanno cioè escluso il contesto emerso dall’indagine, nel cui ambito erano stati emessi nove avvisi di garanzia.

Tra gli indagati anche Ferdinando Bonuccelli, un altro tennista, Fabrizio e Riccardo Accardi, padre e figlio, Antonio Campo, Francesco Nicoletti, Vincenzo Caldara, Alfio Torrisi e Vincenzo Guiducci, ora tutti archiviati. La polizia aveva ipotizzato l’esistenza di una centrale delle scommesse in partite di tennis di livello, che sarebbero state truccate a Palermo, anche se il reato sarebbe stato commesso lì dove si giocarono le partite, cioè in territorio straniero. In via cautelare, per effetto degli accertamenti penali, Cecchinato era stato sospeso e fermato dalla Federazione tennis, per poi essere prosciolto nel procedimento di fronte alla giustizia sportiva. Contro di lui c'erano intercettazioni, che secondo la sua difesa sarebbero poco significative, perchè con l’interlocutore, Riccardo Accardi, manager delle scommesse sportive, c'era un rapporto di amicizia e confidenza sin dai tempi di scuola.

L’indagine era partita da una segnalazione dell’ufficio scommesse dei Monopoli di Stato, che aveva segnalato un flusso anomalo di scommesse anonime giocate a Palermo su partite di tennis. Marco Cecchinato nel 2018 ha giocato la semifinale del Roland Garros, perdendola contro l’austriaco Thiem, dopo avere battuto nei quarti Novak Djokovic, oggi numero 1 del mondo. AGI

© Riproduzione riservata

TAG:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X