stampa
Dimensione testo

Sport

Home Sport Aquila Palermo, da Trapani arriva Emanuele Urbani
BASKET

Aquila Palermo, da Trapani arriva Emanuele Urbani

Con l'arrivo dell'ala, completato il mercato in entrata

PALERMO. L’Aquila Palermo chiude il suo mercato in entrata, completando il roster e rimpinguando la propria batteria di lunghi con un giovane proveniente dalla Pallacanestro Trapani. Emanuele Urbani, ala grande classe ’94, è l’ultimo acquisto della società biancorossa, ormai pronta a partire con il raduno di lunedì al PalaMangano.

Promessa del basket triestino, Urbani cresce cestisticamente e non solo nella Azzurra Trieste, per poi completare la maturazione nella Pallacanestro Trieste, con la quale esordisce in prima squadra in B1 nel 2012, centrando la promozione in LegaDue, e mantenendola nei due anni successivi in maglia Acegas.

L’anno scorso la prima esperienza lontano da casa, a Trapani in A2 Gold, dove mette insieme 14 presenze e 2.4 punti di media a partita, misurandosi ancora con giocatori esperti e utili alla sua crescita. Adesso, lo spostamento a Palermo su quell’isola che sembra calzargli a pennello: “Ormai mi sono abituato alla distanza da casa – rivela Urbani al sito ufficiale biancorosso -. Non ho avuto problemi ad accettare la destinazione, conoscendo già bene questa terra, l’ambiente e il clima. Adattarmi non sarà un problema nel capoluogo e poi con questo cibo e questo mare non lo sarebbe comunque (ride, ndr)”.

Piedi per terra e tanta voglia di ben figurare, in una nuova piazza che sta imparando nuovamente ad appassionarsi alla palla a spicchi: “A livello personale punto a guadagnarmi lo spazio con il duro lavoro in allenamento – spiega -. Il mio obiettivo personale sarà senz’altro quello di mettermi al servizio della squadra, per cercare tutti insieme di rispondere alle attese e ai traguardi che la società punta ad ottenere. Cercherò come ho sempre fatto di apprendere qualcosa di nuovo da tutti i miei compagni – prosegue Emanuele -. Mi sento più un’ala grande che un centro vero e proprio, ma so adattarmi. Mi piace molto giocare l’uno contro uno spalle a canestro, e magari prendere il classico tiro dalla media. Spero di riuscire a mettere a punto tutte le cose che ho imparato in questi anni”.

Nuova avventura sportiva, significa anche nuovo allenatore: “Non ho ancora avuto modo di sentire coach Tucci, ma sono impaziente di lavorare con un allenatore della sua esperienza – ammette -. E’ stato uno dei motivi che ha contribuito a questa scelta. Per quanto riguarda il pubblico, ormai ho dimestichezza del calore e della passione dei siciliani per questo sport. A Trapani ogni partita era una bolgia, spero che anche i nostri tifosi ci sostengano sempre in massa. Loro possono essere decisivi in questo sport più che in qualunque altro”.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X