stampa
Dimensione testo
IL RICONOSCIMENTO

Tumori, Il palermitano Tripodo premiato da Mattarella per i risultati della ricerca

Il professor Claudio Tripodo, docente di Anatomia Patologica del Dipartimento di Promozione della Salute, Materno-Infantile, di Medicina Interna e Specialistica di Eccellenza “G. D’Alessandro” dell’Università degli Studi di Palermo, ha ricevuto dal Presidente della Repubblica Italiana, Sergio Mattarella, il premio “Beppe Della Porta”, indetto dalla Associazione Italiana per la Ricerca sul Cancro (AIRC) per favorire il consolidamento della carriera scientifica di un giovane ricercatore, per i meritevoli risultati scientifici ottenuti nell’ambito della ricerca sul cancro.

Il premio è stato conferito nel corso della Cerimonia di celebrazione de “I giorni della ricerca” che si è svolta oggi al Palazzo del Quirinale, alla presenza del Rettore dell’Università degli Studi di Palermo, prof. Fabrizio Micari.

La Commissione Giudicatrice ha deliberato il conferimento del premio con la seguente motivazione: “gli studi del dott. Tripodo hanno significativamente contribuito a meglio comprendere le interazioni tra microambiente e cellule tumorali nelle neoplasie sia solide sia ematologiche”.

“Il lavoro del prof. Tripodo è eccezionale e gli elevatissimi risultati della sua ricerca ne dimostrano pienamente il merito. Quello che il Presidente Mattarella gli ha conferito oggi è un premio straordinario di cui andare fieri – sottolinea il Rettore dell’Università degli Studi di Palermo, prof. Fabrizio Micari – Ad essere riconosciuta non è solo l’eccellenza della nostra Università, ma anche l’importanza dell’opera dei nostri ricercatori, che fanno compiere alla scienza enormi passi in avanti per consentire lo sviluppo della società in ogni suo ambito. Ancora maggiormente gli studi e le sperimentazioni che il prof. Tripodo e la sua équipe svolgono nella lotta contro i tumori rappresentano un concreto sostegno alle persone, alle famiglie e alla vita. A loro vanno le più sentite congratulazioni mie personali e dell'Ateneo che mi pregio di rappresentare.”

“Poter indagare nel dettaglio ciò che accade nei tessuti patologici è lo strumento che mi ha fornito lo studio della disciplina di cui sono docente presso l’Università di Palermo, l’Anatomia Patologica – dichiara il prof. Claudio Tripodo - In effetti, la ricerca necessita di contaminazioni da molteplici specialità e discipline e per questo motivo allo studio dell’Anatomia Patologica ho sempre associato la passione per l’Immunologia. Ho sempre avuto una chiara idea di cosa volessi approfondire ma ho potuto far ricerca soltanto grazie agli insegnamenti di scienziati, quali il prof. Melchiorre Brai dell’Università di Palermo, il prof. Francesco Tedesco dell’Università di Trieste ed il dott. Mario Paolo Colombo dell’Istituto Nazionale dei Tumori di Milano, i quali hanno creduto nelle mie idee e sostenuto il mio impegno. L’Università degli Studi di Palermo – prosegue -  mi ha dato l’opportunità di condurre le mie ricerche traendo forza dalle meravigliose persone che lavorano insieme a me e che presso l’Ateneo palermitano hanno ricevuto una eccellente formazione. Senza il continuativo, competitivo e stimolante sostegno dell’Associazione Italiana per la Ricerca sul Cancro, AIRC, non sarebbe possibile immaginare una ricerca d’avanguardia contro il Cancro. Dedico - conclude -  questo premio a mia mamma Rosanna ed a mio papà Roberto, i quali hanno impegnato ogni giorno della loro vita a rendere bella la mia.”

Il prof. Tripodo ha ricevuto questo prestigioso riconoscimento come giovane Coordinatore del Laboratorio di Immunologia dei Tumori dell’Università degli Studi di Palermo, dedicato a studi e ricerche innovative nell’ambito delle neoplasie. Il team di ricerca guidato dal prof. Tripodo è stato tra i primi ad indagare alcuni aspetti inerenti al concetto di “microambiente” delle neoplasie. Lo studio condotto indaga sul complesso sistema di interazioni tra le cellule tumorali e l’insieme di elementi che ne accompagnano lo sviluppo e la progressione. Tali elementi includono, tra gli altri, cellule del sistema immunitario, cellule che tentano di contenere lo sviluppo tumorale esercitando funzioni di sorveglianza immunologica, ed altre cellule che, cooptate dal tumore stesso, ne favoriscono, mediante funzioni aberranti, la crescita.

I ricercatori hanno approfondito come alcune caratteristiche intrinseche al “microambiente tumorale” possano avere effetti sulle varie fasi della storia naturale di un tumore, persino influenzandone positivamente o negativamente la sensibilità ad alcune terapie. L’indagine della ricerca mira, in altre parole, a comprendere appieno le caratteristiche di una rappresentazione, non limitando la propria attenzione al “protagonista”, la cellula tumorale, ma focalizzandosi anche su “co-protagonsiti e comparse”, il microambiente, per l’appunto. La fonte primaria d’indagine dei metodi di ricerca impiegati sono i tessuti, nel contesto dei quali viene rappresentata gran parte della complessità e delle dinamiche del sistema-tumore.

 

© Riproduzione riservata

TAG: ,

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X