stampa
Dimensione testo
IL CONTEST

Partinico, arriva il festival Agrichef: tra tradizione e biodiversità

Sfida ai fornelli  venerdì 15 marzo, l’istituto alberghiero Danilo Dolci di Partinico ospita la tappa siciliana del Festival Agrichef, promosso dalla Cia e dall’associazione Turismo Verde con il patrocinio del Comune. Un contest riservato agli agriturismi che, in questa occasione, coinvolgerà anche gli studenti dell’istituto, chiamati a contribuire per la realizzazione dei piatti. Nove ricette provenienti da quattro province, uno show cooking dove il filo conduttore sarà la cucina contadina che rispetta la tradizione, la genuinità e la biodiversità

I cuochi degli agriturismi in gara prepareranno dal vivo il piatto e lo presenteranno a una giuria. La pietanza dovrà rispettare una serie di canoni e la giuria farà una valutazione complessiva basata su alcuni requisiti fondamentali come aspetto e composizione, bontà, stagionalità delle materie prime utilizzate, rispetto delle tradizioni contadine, uso di prodotti locali, specialmente presidi Slow Food, Dop e Igp, la presentazione dell’agriturismo e del suo territorio.

Ai piatti saranno abbinati dei vini siciliani ed è anche previsto un buffet che sarà preparato dagli studenti dell’alberghiero.

Al termine della manifestazione, la giuria proporrà l’agrichef che andrà a rappresentare la Sicilia all’evento nazionale che si terrà in primavera all’istituto alberghiero di Amatrice. La giuria sarà composta da Patrizia Roccamatisi (dirigente scolastico dell’istituto Dolci), Maurizio De Luca (sindaco Partinico), Rosa Giovanna Castagna (presidente regionale della Cia), Antonino Cossentino (presidente della Cia Sicilia Occidentale), gli chef Natale Giunta e Totò Mazzola, Maria Antonietta Pioppo (giornalista e unica Master Sommelier in Sicilia), Roberto Guarino (esperto di food marketing), Antonino Ciccio (vicepresidente dell'Associazione Simenza).

L’agrichef selezionato avrà in premio una fornitura di speciali formati di pasta Poiatti per il suo agriturismo.

“Non si tratta di una competizione vera e propria, ma di un incontro tra le aziende, una possibilità per confrontarsi e per far conoscere i nostri valori rurali ai ragazzi della scuola”. Spiega Daniela Di Garbo, responsabile di Turismo Verde per le province di Palermo e Trapani che ha coordinato l’iniziativa con il docente Giuseppe Bruno.

“Per i ragazzi – dice Antonino Cossentino, presidente della Cia Sicilia Occidentale – sarà una straordinaria occasione per stimolare la propria fantasia e provare un approccio diverso alla cucina, magari meno ingessato e più fantasioso. In Sicilia abbiamo circa 500 strutture agrituristiche, c’è un grosso indotto tra personale di cucina e di sala. Da questo incontro speriamo possa nascere una collaborazione che porti i ragazzi a fare degli stage  nelle aziende agrituristiche, dove c’è un tipo di cucina diversa dalla ristorazione di massa e che esalta i prodotti locali”.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X