stampa
Dimensione testo

Società

Home Società In aumento del 10 per cento le fratture alla tibia: gli incidenti stradali la causa principale
CONGRESSO A PALERMO

In aumento del 10 per cento le fratture alla tibia:
gli incidenti stradali la causa principale

di

ROMA. Le fratture alla tibia sono in aumento del 10 per cento causa incidenti stradali, soprattutto in moto. Arriva un nuovo sistema, i cosiddetti "fissatori esterni", che riducono di un terzo i tempi di recupero. Ma anche nuove tecniche e protesi per evitare l'amputazione degli organi a causa dei tumori. A illustrare dati e terapie innovative sono gli esperti riuniti al congresso internazionale di ortopedia ospitato a Palermo.

Si tratta del corso d'istruzione e 108esimo congresso Sotimi, la Società di ortopedia e traumatologia dell'italia meridionale ed insulare e della Riunione congiunta Sotimi e Sato, la società andalusa di traumatologia e ortopedia. A presiedere e' il professor Michele D'Arienzo. "Le fratture del pilone tibiale e le lesioni della cuffia dei rotatori - spiega il professor D'Arienzo - sono spesso esposte e richiedono un trattamento cosiddetto di attesa con utilizzo temporaneo di fissatore esterno. Sono stati introdotti sul mercato alcuni fissatori con aggancio rapido che riducono del 30 per cento i tempi chirurgici. Inoltre - spiega il medico - queste fratture richiedono per il trattamento la collaborazione con i chirurghi plastici per la copertura con lembi di rotazione e lembi miocutanei liberi delle perdite di sostanza cutanea".

© Riproduzione riservata

TAG: ,

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X