stampa
Dimensione testo
I RISULTATI

Tumore, 25 mila casi in otto anni: ma Palermo è sotto la media nazionale

di
Prostata e polmone le patologie che colpiscono di più gli uomini. Per le donne il punto debole è il seno

PALERMO. Sono 25.019 i casi oncologici accertati a Palermo e provincia dal 2003 al 2010. A livello generale, in Sicilia si vive meglio e più a lungo nei piccoli centri rispetto alle grandi aree metropolitane. Sono questi i dati principali emersi dalla conferenza scientifica «I tumori nella provincia di Palermo. Il Registro Tumori incontra i sindaci», promossa a Palazzo Steri dal Registro Tumori di Palermo e provincia, dalla Scuola di Medicina dell'Università, dall'Asp e dall'azienda ospedaliera «Policlinico Paolo Giaccone».

Erano presenti il rettore Roberto Lagalla, il direttore generale del Policlinico Renato Li Donni, il direttore generale dell'Asp Antonino Candela, il presidente dell'Anci Sicilia Leoluca Orlando, il presidente della Scuola di Medicina dell'ateneo, Francesco Vitale, il segretario dell'Airtum, l'Associazione Italiana Registri Tumori, Francesco Vitale, e il responsabile del Servizio 7 Dasoe dell'Assessorato regionale alla Salute, Salvatore Scondotto.

Invitati all'incontro tutti gli 82 sindaci dei comuni della Provincia di Palermo. Sono state predisposte, dal Registro Tumori di Palermo e Provincia, schede approfondite e dedicate che parametrano, rapportandole al dato provinciale, l'incidenza della casistica oncologica, la tipologia di malattia e la percentuale di sopravvivenza su ciascun territorio comunale. I dati epidemiologici dunque, forniti in maniera così dettagliata, assumono un valore altamente politico e possono favorire l'avvio di azioni concrete per la lotta al cancro.

Negli otto anni fra il 2003 e il 2010, fra gli uomini le tipologie più diffuse di tumore sono state quelle alla prostata e al polmone con una percentuale del 16%, seguite dal tumore alla vescica (14%), al colon-retto (13%) e al fegato (5%). La percentuale di tumori in altre sedi è del 36%. Fra le donne, la patologia più diffusa è quella che colpisce la mammella con il 28%. Seguono il tumore al colon-retto (14%) e poi tiroide, utero-corpo e polmone, tutti al 5%. La percentuale di tumori in altre sedi è del 40%. Pur nella loro complessità, i dati parlano chiaro. La Provincia di Palermo fa registrare una situazione migliore rispetto ai dati nazionali, sia per gli uomini che per le donne.

ALTRE NOTIZIE SUL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X