UNIVERSITA'

Diabete, premiata a Palermo ricerca sulle terapie innovative

diabete, università di palermo, Palermo, Salute, Società
Fonte Pixabay

PALERMO. Una ricerca sulle terapie innovative del diabete coordinata dal professore Manfredi Rizzo, associato di Medicina Interna dell'università di Palermo, e pubblicata nel febbraio 2015 su The Journal of Clinical Endocrinology & Metabolism (Jcem) (rivista ufficiale della società scientifica internazionale Endocrine Society), è stata scelta come «The Best JCEM Diabetes January-March 2015».

Questo risultato premia la collaborazione tra vari ricercatori delle università di Palermo, Catania e quattro università estere.

«Si tratta di un riconoscimento internazionale per la attività di ricerca svolta presso Unipa - spiega Rizzo - Abbiamo pubblicato l'articolo di questa ricerca innovativa sul diabete l'anno scorso su una prestigiosa rivista internazionale. Adesso è arrivato il riconoscimento per questa pubblicazione come miglior lavoro sul diabete nel trimestre dell'anno scorso».

Intanto da una recente ricerca è emerso che in Italia troppi bambini con diabete di tipo 1, quello che si ha dalla nascita, arrivano tardi alla diagnosi, con medici, genitori e insegnanti che non riconoscono i 'campanelli d'allarme' della malattia.

Lo hanno sottolineato gli esperti dell'associazione Diabete Italia onlus durante la presentazione della Giornata Mondiale dedicata alla patologia il 14 novembre.

«Il diabete in età pediatrica è solo di tipo 1 - ha sottolineato Giovanni Lamenza, presidente dell'associazione -. Si puo solo curare, non è possibile prevenirlo, ma è essenziale accorgerci subito della malattia, ancora oggi i sintomi del tipo 1 non sono riconosciuti. Se i bambini bevono tanto, fanno tanta pipì e sono stanchi potrebbero essere diabetici, è importante diffondere anche questo messaggio».

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X